vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Giudicato 53 volte in tribunale "Muoio dalla voglia di essere giudicato dai cittadini"

Più informazioni su

VASTO. Ieri sera tappa vastese per l’ex sindaco di Pescara, Luciano D’Alfonso che, nei giorni scorsi, ha aperto  la sua campagna elettorale per le primarie del centrosinistra, in programma il prossimo 9 marzo, come candidato alla Presidenza della Regione. D’Alfonso insieme al segretario regionale del Pd Silvio Paolucci ed al segretario cittadino Antonio Del Casale, nella sala degli ex palazzi scolastici di Corso Italia, gremita di esponenti del centrosinistra ed alcuni curiosi, ha elencato i punti del suo programma evidenziando l’ interesse per il porto di Vasto ed in particolare il Piano regolatore dello scalo di Punta Penna. Gli oli esausti del porto di Vasto –ha sottolineato- che fine fanno? Non c’è un’ authority che ci pensa.

Più volte l’ex sindaco del capoluogo adriatico ha evidenziato come sia importante la cooperazione per raggiungere degli obiettivi. “In solitudine –ha detto- si fanno le feste di compleanno”. Parlando poi della Provincia, D’Alfonso ha chiarito che non vuole entrare nel merito di Provincia si o Provincia no, ma ha detto“Mi sarei dedicato ad un grande progetto di manutenzione delle strade. Costruiamo una regione gigantesca ma prima dobbiamo cambiare le regole. Dobbiamo dotarci di una procedura veloce per creare nuove imprese”. La dichiarazione nasce dalla volontà della ditta San Carlo di investire in Abruzzo, ma ad una sola condizione, un si immediato.

Altro punto trattato: nessun allungamento della legislatura. “Ho verificato nel mondo non è successo a nessuno, mi resta da controllare solo il Congo, di prolungare il mandato. Qual’ è il di più che faresti e che non hai fatto” –ha evidenziato D’Alfonso, riferendosi all’attuale amministrazione regionale il cui manadato scadeva a dicembre ed è stato prolungato fino a maggio. “In caso di vittoria nei primi quattro mesi fisseremo i nostri obiettivi.

Ho una voglia matta di essere giudicato. Sono stato giudicato 53 volte in tribunale e assolto. Ora voglio essere giudicato dai cittadini”. 

Non sono mancati poi riferimenti ai suoi avversari alle primarie. “Con Caramanico e Mascitelli –ha detto sardonico D’Alfonso- credo di vincerla anche esteticamente la gara”.

Ci chiediamo perché ricorrere a questo gioco delle parti, quando tutti gli abruzzesi sanno bene che la campagna elettorale per le prossime elezioni è già iniziata e vede un solo candidato per la coalizione di centrosinistra, Luciano D’Alfonso. 

Paola D’Adamo  paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su