vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Massimo Cacciari nella parrocchia di San Paolo per i dialoghi della fede

Più informazioni su

VASTO. Martedì 11 Marzo prossimo, presso l’Auditorium San Paolo a Vasto, alle ore 19.00, nell’ambito del programma culturale e religioso “I dialoghi della fede”, promosso dall’Arcidiocesi di Chieti-Vasto, l’Arcivescovo e teologo Bruno Forte dialoga con il filosofo Massimo Cacciari sul tema “La ricerca di Dio”.

MASSIMO CACCIARI (Venezia, 5 giugno 1944) filosofo e politico.
Suo padre era un pediatra e sua madre una casalinga. Frequenta il Liceo Classico Marco Polo di Venezia. Nel 1967, sotto la guida del professor Dino Formaggio, si laurea in filosofia all’Università di Padova con una tesi sulla Critica del giudizio di Immanuel Kant, avendo come relatore Sergio Bettini.
Nel 1980 diventa professore associato di Estetica presso l’Istituto di Architettura di Venezia, successivamente, nel 1985, professore ordinario. Nel 2002 fonda la Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele a Cesano Maderno, di cui è Preside fino al 2005. È tra i fondatori di alcune riviste di filosofia che hanno segnato il dibattito dagli anni sessanta agli anni ottanta, tra cui Angelus Novus, Contropiano, il Centauro.
Al centro della sua riflessione filosofica si colloca la crisi della razionalità moderna, che si è rivelata incapace di cogliere il senso ultimo del reale, abbandonando la ricerca dei fondamenti del conoscere. La sua visione muove dal concetto di “pensiero negativo”, ravvisato nelle filosofie di Friedrich Nietzsche, di Martin Heidegger e di Ludwig Wittgenstein, per risalire ai suoi presupposti in alcuni aspetti della tradizione religiosa e del pensiero filosofico occidentali.
È stato Sindaco di Venezia dal 1993-2000 e dal 2005-2010.
Ha pubblicato numerose opere e saggi, tra i quali meritano una particolare attenzione: Krisis (del 1976); Pensiero negativo e razionalizzazione; (1977), Dallo Steinhof (1980), Icone della legge (1985), L’angelo necessario (1986), Dell’inizio (1990), Della cosa ultima (2004) vincitore del Premio Cimitile. Hamletica (2009) è il suo lavoro più recente.
Tra i numerosi riconoscimenti sono da ricordare la laurea honoris causa in Architettura conferita dall’Università degli Studi di Genova nel 2003 e la laurea honoris causa in Scienze politiche conferita dall’Università di Bucarest nel 2007.
Attualmente insegna “Pensare filosofico e metafisica” presso la Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

BRUNO FORTE (Napoli, 1 agosto 1949) teologo e Arcivescovo di Chieti-Vasto.
Come credenti in Gesù Cristo, animati dal desiderio di far conoscere colui che ha dato senso e speranza alla nostra vita, ci rivolgiamo con rispetto e amicizia a tutti i cercatori di Dio. Li riconosciamo in tanti uomini e donne del nostro tempo, guardando alla situazione di inquietudine diffusa, che non ci sembra possibile ignorare. È un’inquietudine che abbiamo riconosciuta anche in noi stessi e che si esprime nella domanda, presente nel cuore di molti: Dio, chi sei per me? E io chi sono per te?
Ci rendiamo conto che, abitualmente, questa domanda viene espressa con parole molto diverse da quelle appena accennate. Sappiamo anche che a volte è soffocata, disturbata, fraintesa o sembra lanciata inutilmente, verso orizzonti indecifrabili. Abbiamo però l’impressione che l’interrogativo sul mistero ultimo che tutti ci avvolge, e di conseguenza sul senso della nostra esistenza, sia veramente diffuso. Ci preoccupa anzi il dover constatare che a volte e per ragioni diverse esso venga spento sul nascere o corra il rischio di insabbiarsi.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su