vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Flash mob e premiazione concorso fotografico a Scerni

Più informazioni su

SCERNI. Domenica 09 marzo, a Scerni, manifestazione dei Centri antiviolenza, con azioni e proposte per rafforzare la libertà delle donne. L’evento è organizzato dalla presidenza del Consiglio Comunale di Scerni con la collaborazione della cooperativa sociale IGECO Service e Vita.  
Il programma prevede alle 16.00 ,in piazza Riseis, Flash mob sulle note di Break the Chian. Alle 17.00, presso la sala Convegni della casa Comunale, premiazione del concorso fotografico internazionale “Donna E’…” , 3^ edizione.  Subito dopo il convegno dal titolo “Come riconoscere la Violenza”, con la partecipazione  di Giuseppe Pomponio, sindaco del comune di Scerni. Moderatore Emanuela Bel Figlio, relazione di Angela Uliano  presidente del centro antiviolenza “Ali d’Angelo contro la violenza”, componente commissione pari opportunità della regione Campania, Nadia Di Sipio, consigliere pari opportunità del comune di Ortona, Silvana Priori sindaco del comune di Torino di Sangro, Teresa Maria Di Santo presidente associazione centro antiviolenza  “Emily abruzzo di San Salvo, Barbara Di Rico, psicologa presentazione della comunità “Vita”. 
Alle 18,30 momento musicale “La Donna nella Musica” dall’ottocento ai giorni nostri, con Marilina Del Bianco, pianista, Nunzio Fazzini, tenore e Paolo Angelucci, violinista, a fine concerto, aperitivo cenato per tutti. 
Prevenire, sostenere e, soprattutto, educare: sono queste le priorità del piano contro la violenza sulle donne curato dal governo che coinvolge sette gruppi di lavoro e che vede impegnati, oltre ad altrettanti ministeri, anche le Regioni, i Comuni, le associazioni e i centri antiviolenza. 
“La prevenzione è sicuramente il primo passo. È necessario educare i ragazzi su questi temi già da giovanissimi, anche a scuola. Perché è necessario che gli insegnanti per primi siano istruiti adeguatamente, per poi trasmettere l’educazione ai loro alunni. Si tratta, quindi, di inserire nella formazione dei docenti anche questi aspetti specifici”. 
redazione@vastoweb.com

Più informazioni su