vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

US San Salvo, Montagano: "In campo con la giusta mentalità"

Più informazioni su

SAN SALVO. Non si preannuncia facile la sfida contro la Rosetana a cui è chiamato il San Salvo domenica allo stadio Bucci. Rosetana che staziona a quota 29 punti e viene dalla sconfitta in casa contro la diretta concorrente per la salvezza diretta, Francavilla. San Salvo che vanta 35 punti e con una vittoria potrebbe ipotecare quasi la salvezza. I ragazzi allenati da mister Gallicchio vengono dalla sconfitta esterna contro il Miglianico. Partita in cui hanno costruito tanto ma non sono riusciti a finalizzare a dovere e sono stati puniti nelle poche occasioni capitate sui piedi degli avversari. Complimenti sono arrivati alla squadra anche dall’allenatore del Miglianico a fine partita. 
Complimenti si ma servono punti e vittorie sottolinea il direttore generale Ettore Montagano: “Dispiace che in alcune partite davvero giochiamo un buon calcio, ci vengono fatti anche encomi a fine partita, ma quel che raccogliamo non rispecchia quanto fatto sul rettangolo di gioco. Uscire domenica dal campo di Miglianico sconfitti, al di là delle decisioni arbitrali a cui si può o meno attaccare, è stata una delusione. Abbiamo dominato e sicuramente meritavamo di più. Ci sono state partite perse in cui abbiamo lasciato punti per strada senza meritarlo altrimenti, lo ribadisco sempre, saremmo già salvi e staremmo parlando d’altro. Martedì alla ripresa degli allenamenti abbiamo parlato con i ragazzi e fatto notare loro cosa magari non va. La cosa che è importante è scendere in campo ogni domenica con la giusta motivazione. Quella non deve mai mancare sennò si resterà sempre dei giocatori mediocri e questo lo dico soprattutto per i ragazzi di prospettiva. Servono stimoli, bisogna sempre puntare a un mix giusto di concentrazione, qualità morali e poi anche tecniche per poter sperare di andare avanti e fare salto di qualità. Qui sono importanti i tre punti domenica. Non ci dobbiamo fare ammaliare dal fatto che la Rosetana arrivi in un momento societario delicato in cui la squadra si autogestisce. In queste partite rischi poi di prenderla sottogamba e di soccombere. Dobbiamo affrontarla come l’ennesima battaglia importante. Perchè da qui alla fine tutte le partite saranno battaglie. Andremo ad affrontare squadre che devono salvarsi così come noi il prima possibile e altre che si trovano a dover lottare per uscire dalla zona caldissima, tipo la Virtus Cupello. Su nessun campo ci sarà concesso nulla. Dobbiamo giocare concentrati, con la giusta motivazione e strappare i tre punti. La Rosetana ha in attacco anche gente esperta come Rossi Finarelli e un buon organico. Avranno anzi quella serenità data dal non aver nulla da perdere date le condizioni in cui versa la società. La nostra squadra si è allenata bene in settimana. Abbiamo le carte in regola per vincere e mettere in cassaforte quei punti importanti per avvicinarci alla salvezza matematica. Solo dopo aver raggiunto questo importante traguardo, e spero il prima possibile, si parlerà e inizierà a costruire per il futuro”.
Nelle fila sansalvesi sarà assente gli squalificati Sabella e Vitiello.  Prosegue invece il silenzio stampa della Rosetana.
Tiziana Smargiassi (tizianasmargiassi@vastoweb.com)

Più informazioni su