vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Scuola: il Comitato di Casalbordino scrive al Direttore

Più informazioni su

CASALBORDINO. Il “Comitato spontaneo di cittadini di Casalbordino” scrive al Direttore Generale dell’ufficio scolastico regionale per l’Arbuzzo, dott. ernesto Pellecchia, in merito al dimensionamento scolastico. 
“Egr. Sig. Direttore, A scrivere questa lettera sono i cittadini di Casalbordino, provincia di Chieti, sede dell’Istituto Comprensivo “P.S. Zimarino”. Con la presente desideriamo esprimere tutta la nostra indignazione per quanto accaduto alla nostra Scuola e lo evidenziamo trasmettendo la raccolta firme  fatta dalla popolazione contro il dimensionamento scolastico. Non riusciamo a capire le motivazioni che hanno spinto la Giunta Regionale per l’Abruzzo  ad emanare la delibera n. 999 del 30 dicembre 2013, che ha determinato, tra le altre decisioni, la costituzione di un Omnicomprensivo coinvolgendo proprio il nostro Istituto Comprensivo e l’Agrario di Scerni. Ci rivolgiamo a Lei, quale Direttore dell’Ufficio Scolastico, perché comunque la suddetta delibera è stata favorevolmente da Lei recepita con l’emanazione del decreto n. AOODRAB 205 del 15/01/2014.
Dulcis in fundo, il 19/02/2014 ha decretato, con prot. AOODRAB 0001048, lo spostamento della Dirigenza scolastica e degli uffici di segreteria da Casalbordino a Scerni, dandoci il colpo di grazia. E’ una decisione che i cittadini di Casalbordino non possono tollerare né accettare, non per motivi puramente campanilistici, ma per una valutazione oggettiva delle cose che  non sono state considerate. Casalbordino è un paese con una popolazione di circa 7000 abitanti, sicuramente il più popoloso e situato in una posizione centrale rispetto agli altri paesi viciniori e quindi facilmente raggiungibile dall’utenza. L’Istituto Comprensivo Zimarino è già di per sè un istituto  molto complesso che vanta la presenza di circa 1000 alunni su 13 plessi ed estende la sua competenza su ben altri tre Comuni limitrofi (Scerni, Pollutri e Villalfonsina) e non più di un anno e mezzo fa  è stato coinvolto nel  dimensionamento
L’Istituto Agrario Ridolfi di Scerni, invece, pur avendo una popolazione scolastica ridotta (circa 200 alunni) sicuramente è una scuola molto complessa da gestire, e che, a nostro modesto parere, avrebbe avuto diritto ad una deroga rispetto alle disposizioni legislative in merito all’autonomia dirigenziale, così come era stato proposto dalla Giunta Provinciale di Chieti con delibera del Consiglio n. 138 del 23/12/2013. Al massimo poteva essere accorpato ad altri Istituti Scolastici di II grado, costituendo una scuola dello stesso grado di istruzione, oppure ad Istituti Comprensivi sottodimensionati, presenti nel territorio e alcuni di essi molto più vicini  a Scerni che l’Istituto Zimarino, non toccati nel dimensionamento attuale (come mai questi possono conservare la loro autonomia?) né tantomeno da quello del 2012! In ultimo, ma non meno importante, occorre sottolineare che nell’Istituto Comprensivo di Casalbordino, rispettando pienamente i parametri dell’autonomia, sia il Dirigente Scolastico che il Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi sono titolari nel loro ruolo, mentre all’Agrario di Scerni, che a sua volta non rispetta i suddetti parametri già da diversi anni, entrambe le figure dirigenziali sopramenzionate non sono titolari, ma vengono affidate di anno in anno a sostituti reggenti.
Per concludere ci chiediamo a quale esigenza risponde la scelta di accorpare il nostro Istituto Comprensivo, già dimensionato e di per sé così dimensionato e di non facile gestione, all’Istituto Agrario, una scuola con un indirizzo così specifico e così diverso in quanto è anche un’azienda. Di certo non assicura il miglioramento né delle attività didattiche, né di quelle amministrative, ma porterà ad un progressivo decadimento di tutto il funzionamento scolastico”.

Più informazioni su