vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Stalking e rapina: gli accusati negano gli addebiti

Più informazioni su

VASTO. Interrogatori e confronti in tribunale. Ha chiarito al giudice Anna Rosa Capuozzo la sua  posizione ed ha contestato molte accuse il presunto stalker vastese finito in manette lo scorso fine settimana. 
Il difensore, l’avvocato Massimiliano Baccalà all’uscita dal Palazzo di giustizia al termine dell’interrogatorio di G.A., 38 anni  ai domiciliari da venerdi è parso fiducioso. “Il mio cliente dipinto come un violento che per anni ha reso impossibile la vita alla ex moglie ha fornito al giudice la propria versione dei fatti. Ho chiesto per lui la revoca della misura degli arresti domiciliari. Il magistrato si pronuncerà nei prossimi giorni”, dice Baccalà. 
E’ stato invece interrogato in carcere dal giudice Caterina Salusti M.D., 39 anni, l’uomo finito a Torre Sinello per rapina aggravata impropria. Secondo le accuse avrebbe preteso provviste di carne gratis e davanti alle proteste del macellaio lo avrebbe aggredito con una spranga. “Il mio cliente ha spiegato che si è trattato di un grosso equivoco”, afferma l’avvocato Angela Pennetta. “Al mio cliente veniva spesso fatto credito. Poi pagava. Quel giorno non è stato capito dal macellaio. Non voleva fare nessuna rapina”.   
Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)    

Più informazioni su