vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Parco Fortunato: Alfredo Graziano replica all'assessore Marco Marra

Più informazioni su

VASTO. La replica dell’assessore Marra che nei  si ritiene priva di argomentazioni degne  di rilievo-dichiara Alfredo Graziano, residente nel Parco Fortunato di Vasto Marina- offre comunque lo spunto per qualche riflessione” .

“Intanto-dice Graziano- a fronte di un comportamento, il Suo, di scarsa attenzione nei confronti dei cittadini, egli non trova di meglio che  parlare di “trattamento di favore”, ignorando, persino, il ruolo pubblico che riveste  e i doveri istituzionali cui è chiamato a rispondere. Dovrebbe, l’assessore, sentirsi onorato se un cittadino Lo contatta telefonicamente per segnalare quelle che ritiene essere inadempienze dell’amministrazione locale.

Non dovrebbe essere un sacrificio rispondere al telefono: si tratta, più semplicemente, di relazionarsi col cittadino-elettore che ha il sacrosanto diritto di protestare se la politica non assolve ai propri compiti, come nel Suo caso.

Poiché dimostra di non conoscere la situazione del parco Fortunato e  la sua storia, credo sia opportuno rinfrescare la memoria.

Intanto, si tratta di una area comunale, da sempre abbandonata a se stessa e per la cui sopravvivenza, negli ultimi due anni, si sono tassati i cittadini. L’assessore Marra sappia che gli abitanti del posto hanno pagato di tasca propria per sopperire alla mancanza di interventi da parte del Comune e dell’assessorato competente (il suo).

Una situazione imbarazzante per l’amministrazione e che – in assenza di opportuno intervento  (condizione igieniche a rischio), costringerà al ricorso all’Autorità Giudiziaria preposta, al fine di tutelare la salute pubblica.

Non si tratta solo dell’erba: si rende necessario ed improcrastinabile un intervento radicale, che includa disinfestazione, derattizzazione, etc.

Non è  affatto gratificante parlare di strumentalizzazioni e sceneggiate varie: ciò che conta è il comportamento, l’inadeguatezza nell’assunzione degli impegni presi, seppure telefonicamente, con il sottoscritto. Non a caso, nel mentre si parlava di fantomatica organizzazione dell’intervento per il parco Fortunato, proprio il geom. Rullo, sentito in via breve,  comunicava la inesistenza di qualsivoglia programmato intervento..

Tra l’altro, che differenza fa se  chiama il singolo cittadino o il portavoce di un comitato, se il problema è e rimane lo stesso, ovverosia la situazione grave del Parco Fortunato di Vasto Marina? Situazione a dir poco sconcertante…

Si lascino pure perdere le isole spartitraffico, la cui realizzazione, sappia Marra, è avvenuta solo grazie alla protesta della gente,  preoccupata per la salvaguardia della propria incolumità. Quella stessa gente che, ancora oggi, si chiede, come mai non sia stata resa esecutiva la delibera adottata dal consiglio comunale nel lontano 2007, relativa alla realizzazione del famoso sovrappasso sulla SS. 16…. A proposito, l’assessore Marra faceva parte di quel consesso?

Le palesi  contraddizioni manifestate dall’assessore Marra-conclude Graziano- autorizzano lo scrivente, da subito, a chiedere  un confronto pubblico, per meglio spiegare ai cittadini residenti di Vasto Marina la posizione dell’amministrazione comunale e dello stesso responsabile dei servizi ed ambiente. A tal proposito, urge ricordare all’Assessore che anche il parco Fortunato nasce come uno spazio pubblico, di giochi  per bambini. Ma allo stato attuale, si registra solo una triste agonia”.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su