vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Amato su vicenda Bussi: "Vogliamo la verità. Ma senza allarmismi"

Più informazioni su

VASTO. Il parlamentare vastese del PD Maria Amato è primo firmatario di una interrogazione a risposta scritta in commissione Affari Sociali a Montecitorio, rivolta al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che intende fare chiarezza sulle problematiche di inquinamento acquifero sollevate dall’Istituto Superiore di Sanità che in una relazione in cui si definisce una “discarica di veleni tossici l’ex polo chimico Montecatini Edison di Bussi”.

“Vogliamo conoscere i veri risultati dell’indagine dell’Iss” dice la dottoressa Amato, la quale tiene a sottolineare per mettere ordine ed evitare allarmismo nella popolazione che “ad oggi, le acque di Bussi non sono tossiche”. Con la richiesta di risposta scritta in commissione Affari sociali, Maria Amato (PD), con Antonio Castricone (PD) e Vittoria D’Incecco (PD),  vogliono conoscere i rischi di salute conseguenti alle già note problematiche di inquinamento acquifere di Bussi sul Tirino. “Settecentomila persone interessate, laddove sia davvero confermato tale rischio – ha sottolineato Amato – vanno sottoposte a screening a seconda del grado di tossicità delle acque. Quindi vogliamo conoscere i contenuti dell’indagine dell’Istituto superiore di sanità e sollecitare azioni per la messa in sicurezza, sempre che ce ne sia la reale necessità, delle popolazioni coinvolte in queste gravissime vicende”.

I Parlamentari del PD Abruzzese specificano che “tale azione è volta soprattutto ad evitare inutili atti di terrorismo psicologico nelle popolazioni. Ad oggi le acque sono pure e non tossiche, ricordiamo che, quelli che oggi vengono contestati, fatti risalenti al 2007. IL PD, infine, rivendica il ruolo avuto dall’allora senatore Legnini per la risoluzione dell’emergenza idrica dell’area grazie a nuovi pozzi.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su