vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Percorso ciclopedonale di Punta Aderci: WWF, Legambiente e FIAB ribadiscono il si al progetto

Più informazioni su

VASTO – L’Associazione WWF Zona Frentana e Costa Teatina, a rettifica di quanto apparso sulla stampa che le attribuisce posizioni mai espresse, ribadisce il favore alla realizzazione della pista ciclopedonale che attraverserà la Riserva Regionale di “Punta Aderci” come parte della Via Verde della Costa dei Trabocchi.

Dello stesso avviso sono Legambiente e FIAB Vasto Pedala che insieme al WWF vedono nel progetto una precisa scelta di indirizzo per il nostro territorio, che valorizza l’Area Protetta, è un ulteriore stimolo alla rapida conclusione del cammino verso l’istituzione del Parco Nazionale della Costa Teatina ed è inserita in un progetto ancora più ampio chiamato Bicitalia, sostenuto dalla FIAB Nazionale che, attraverso il progetto comunitario EuroVelo, si pone l’obiettivo di unire con una pista ciclabile i Paesi Baltici con Lecce e l’estrema punta Sud dell’Italia.

Al tempo stesso siamo coscienti delle problematiche insite nella realizzazione di tale opera; l’iter del progetto vastese, caratterizzato da evidenti criticità progettuali, ne è la riprova. 

Soltanto grazie al Presidente del CAI di Vasto che, nella sua veste di componente del Comitato di Gestione della Riserva, ha informato le Associazioni interessate cercandone la collaborazione, abbiamo potuto contribuire ad una proposta di critica costruttiva che ha convinto l’Amministrazione a rimodulare il progetto originario.

Ad oggi, quasi tutte le istanze di modifica sembrano essere state accolte, come dichiarato sia nel Convegno del 1° Marzo organizzato dall’Amministrazione per presentare il progetto, che nell’ultimo comunicato stampa dell’Assessore Marra.

Rimaniamo quindi in attesa che le assicurazioni date si traducano in coerenti atti concreti, che il progetto modificato sia reso pubblico per poter esprimere una valutazione su qualcosa di concreto e che si attivi quanto prima il promesso “tavolo di supervisione”.

Infine, ci auguriamo che nel futuro, su questioni di tale rilevanza, l’Amministrazione Comunale voglia avviare preventivamente una formale consultazione e, magari, arrivare all’istituzione di un “tavolo di lavoro permanente con le Associazioni”.
redazione@vastoweb.com

Più informazioni su