vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Incontro tra gli studenti del “Mattei” e gli “Amici di zampa”

Più informazioni su

VASTO. “La felicità è un cucciolo caldo”, diceva Charles M. Schulz, il papà dei “Peanuts” e… come possiamo dargli torto? Nella convinzione che l’amore per gli animali migliori la vita di noi esseri umani e ci educhi al rispetto verso tutte le forme di vita, anche quelle tradizionalmente considerate “inferiori”, gli alunni del Liceo delle Scienze Applicate dell’Istituto d’Istruzione Superiore “E. Mattei” di Vasto a scuola hanno incontrato le volontarie di “Amici di zampa”, l’associazione che a Vasto gestisce il canile municipale, dove attualmente sono ospitati circa 200 cani abbandonati, molti dei quali da tempo in attesa di poter trovare una casa e l’affetto di una famiglia.
Grazie all’incontro con le volontarie, gli studenti del “Mattei” hanno potuto toccare con mano la triste realtà dei maltrattamenti sugli animali e i problemi legati al randagismo. Ascoltando le spiegazioni e i suggerimenti della dottoressa Alessandra Brignone, medico veterinario e responsabile del canile di Vasto, di Angela Buda, guardia zoofila e socia fondatrice di “Amici di zampa”, e di Annalisa Forte, anche lei socia fondatrice dell’associazione e volontaria nel canile, gli studenti hanno compreso quanto possa essere importante e responsabilizzante vivere accanto ad un “pelosetto”. A seguito dell’incontro, diversi alunni hanno manifestato il desiderio di dare il proprio piccolo contributo come volontari nel canile, occupandosi di tanto in tanto della socializzazione dei cani, portandoli a fare passeggiate, interagendo e giocando con loro. “Questa attività – hanno precisato le volontarie dell’associazione – è molto importante in quanto aiuta i cani a non disabituarsi al contatto con l’uomo, aumentandone così l’indice di adottabilità”.
Star indiscussa dell’incontro con gli studenti è stata, unitamente a dei gattini abbandonati di pochi giorni di vita, la piccola Stella Lulù, uno dei tanti cani vittime della crudeltà degli esseri umani che le volontarie del canile hanno salvato da morte certa. “Decidere di diventare volontario della nostra associazione – hanno spiegato le ‘Amiche di zampa’ – è una scelta molto importante che deve nascere da un profondo sentimento d’amore verso la vita, la natura, il nostro pianeta e tutti gli esseri viventi che vi abitano”.

redazione@vastoweb.com
                                                                                             

Più informazioni su