vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Elezioni regionali oltre venti i candidati del vastese

Più informazioni su

VASTO. Tra Vasto, San Salvo, Cupello e Monteodorisio, solo per tenere ristretto il campo ai comuni più vicini al capoluogo di comprensorio sono in lizza, ben 23 candidati per il rinnovo del consiglio regionale. Il fatto è di per sé rilevante e preoccupante allo stesso tempo. Rilevante per il numero appunto di concorrenti, ma altresì preoccupante perché una inevitabile polverizzazione del consenso potrebbe lasciare la città ed il comprensorio priva di qualsiasi rappresentanza regionale. Per il centrosinistra a parte la new entry assoluta rappresentata da: Laura D’Alessandro gli altri sono tutti già noti per precedenti candidature e cariche occupate in enti.

Incoronata Ronzitti già candidata a sindaco di Vasto nel 2011, Mario Olivieri e Luigi Masciulli ambedue assessori della traballante compagine municipale di Vasto. Alessandro Cianci coordinatore provinciale di Sel, interprete di una spesso feroce opposizione interna all’amministrazione Lapenna. Candida Donatone già candidata  co Futuro e Libertà si presenta con Centro Democratico libertà ed Eliana Menna consigliere provinciale dell’Idv che punta sul sostanzioso apporto di voti da parte del suo comune di adozione Dogliola, Fabio Travaglini già candidato alla carica di sindaco a san Salvo e Gabriele Marchese che da San Salvo conta su appoggi anche in città.  Con il Pd Silvana Di Palma residente a Castiglione Messer Marino e Domenico Molino renziano della prima ora che potrebbe veder rottamate le proprie ambizioni dalle contrapposizioni che lacerano il partito democratico di Antonio Del Casale, Luciano Lapenna, Giuseppe Forte e Maria Amato. 

Per i cinque stelle oltre a Rema De Camilis, Silverio Mazzocchetti e Pietro Smargiassi,  tentano la candidatura sotto il brand di Grillo che elide e non ammette forti rappresentatività personali. Graziella Marino, operaia ex Golden Lady candidata nella lista Un’altra Regione a sostegno di Maurizio Acerbo candidato presidente.

Per il centrodestra le quote rosa contano su Rosanna Raimondi, giornalista, nonché moglie di Pasquale Di Nardo, presidente Sangritana, Morena Serafini e Daniela Rosica. Non particolarmente note per partecipazioni ad eventi elettorali, scendono in campo politici di lunga militanza quali: Etelwardo Sigismondi consigliere provinciale e Nicola Stanisci consigliere comunale uscente a Monteodorisio oltre a Nicola Argirò che aspira ad un consenso che possa contrastare la egemonia di preferenza di cui è accreditato in Forza Italia l’assessore uscente Mauro Febbo. Capitolo a parte riguarda invece Antonio Menna e Antonio Prospero. I due Tonino, che prima compagni di partito nell’Udc hanno da tempo separato le proprie strade, con sacrificio anche della frequentazione ed amicizia personale, si ritrovano uniti sotto la nuova sigla del centrodestra per scontrarsi ancora a suon di preferenze per un seggio in consiglio regionale.

Tonino Menna in lista oltre che trovare Prospero incontra quale candidato presidente Gianni Chiodi a cui si è opposto ferocemente negli ultimi cinque anni di consigliatura. E Antonio Prospero, dopo un intenso andirivieni tra Rialzati Abruzzo Forza Italia, abbandonata quest’ultima e con essa,  probabilmente l’appoggio goduto da parte dell’Onorevole Fabrizio Di Stefano, cerca oggi consenso, soprattutto in città, con l’aiuto sempre più palese ed inquietante, da parte del sindaco Luciano Lapenna.

Paola D’Adamo  paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su