vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Duplice omicidio: la soluzione del giallo è custodita in una Ducati

Più informazioni su

VASTO – Duplice tentativo di omicidio: la soluzione del giallo potrebbe essere nella moto incendiata recuperata dalle forze dell’ordine in contrada Lota. 
I carabinieri hanno accertato che quelle lamiere annerite recuperate il 29 aprile appartenevano alla moto Ducati con cui due settimane prima due uomini con il volto coperto da caschi integrali affiancarono Yari Pellerani in via Del Porto sparando contro di lui 4 colpi di pistola. La Ducati, un modello Super Sport è stata rubata a dicembre 2013 in Molise. 
Sulla moto sono state trovate tracce biologiche. Saranno proprio quelle tracce a chiarire se fra il tentato omicidio subito e quello tentato da Pellerani c’è un nesso. Non solo. L’eventuale individuazione dei due centauri potrebbe spiegare il movente dei due cruenti episodi. La polizia non rivela il motivo scatenante. Gli investigatori non parlano. La città teme un regolamento di conti fra bande rivali. Una guerra che mira a distruggere fisicamente l’avversario. 
Chi il 10 aprile sparò 4 colpi di pistola a distanza ravvicinata contro Yari Pellerani voleva uccidere il giovane. Il killer sparò ad altezza uomo colpendo Pellerani al torace. La telecamere che tre giorni fa hanno ripreso l’aggressione all’operaio di 30 anni in via Del Giglio mostrano questa volta l’aggressore che colpisce la vittima sulla testa mentre l’uomo è a terra. ” E’ vivo solo perchè ha un fisico allenato e nonostante sia stato trattenuto e’ riuscito comunque a divincolarsi e ad attutire i colpi”,conferma il vice questore Cesare Ciammaichella.  
Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su