vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Aggressione con l’ascia: lasciano il carcere e vanno ai domiciliari i tre uomini accusati di tentato omicidio

Più informazioni su

VASTO – Hanno ottenuto gli arresti domiciliari Yari Pellerani, 28 anni, Antonio Santoro,27 anni e Marco Maranca, 33 anni. Il gip Anna Rosa Capuozzo ha accolto le richieste degli avvocati Elisa Pastorelli e Giovanni Cerella ed ha concesso ai tre dio lasciare il carcere di Torre Sinello. Pellerani e i suoi amici furono arrestati dalla polizia il 6 giugno con l’accusa di tentato omicidio. 
A raccontare i 54 drammatici secondi di cui sono stati protagonisti è stato l’obiettivo di una telecamera.  La polizia ha contestato la premeditazione. Secondo gli investigatori Pellerani avrebbe riconosciuto uno dei due uomini che il 9 aprile cercarono di ucciderlo, tant’è che l’operaio ferito è stato infatti arrestato a sua volta dai carabinieri per tentato omicidio l’8 giugno insieme a Fabio Scafetta. Sarebbero loro i presunti autori dell’agguato in moto a Pellerani.
“Non c’è mai stata alcuna premeditazione”, afferma l’avvocato Elisa Pastorelli. “Pellerani ha agito d’istinto. La prova è che era a volto scoperto. Non ha usato un’ascia ma un oggetto che aveva in auto”, spiega l’avvocato.  
Da parte loro Lattanzio e Scafetta negano addirittura di conoscere Pellerani. 
Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su