vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sbloccare la ricostruzione e la pista ciclopedonale Martinsicuro – S.Salvo

Più informazioni su

VASTO. Legambiente, con il dossier #sbloccafuturo, ha deciso di individuare quelle che rispondono ai criteri di utilità effettiva per il territorio e i cittadini, di miglioramento della sicurezza, di trasformazione nel sistema della mobilità, di sostegno all’innovazione nell’energia e nella rigenerazione urbana. Non tutte le opere ferme, infatti, sono necessarie e alcuni iter bloccati hanno fermato cantieri e progetti che hanno salvato l’Italia da ulteriori e più gravi disastri. Selezionare e scegliere quali siano i vincoli necessari e le semplificazioni utili a rilanciare il Paese, è quindi la strada per fermarne il declino e ricostruire un’Italia capace di futuro. 

 A livello nazionale Legambiente ha individuato 101 opere bloccate la cui mancata realizzazione pesa negativamente sulla salute dei cittadini, sulla loro libertà di movimento, sulla possibilità di migliorare la qualità della vita di intere comunità, sull’economia locale e nazionale. Queste 101 opere ci raccontano di un’Italia migliore, più bella, più efficiente, più sicura, più moderna, che avremmo potuto avere e che per responsabilità diverse ancora non abbiamo.  La voce più consistente riguarda il sistema dei trasporti insieme alla messa in sicurezza del territorio dal rischio idrogeologico. A seguire, ci sono le bonifiche, la depurazione, gli impianti per chiudere il ciclo dei rifiuti. Sono opere tra di loro molto diverse tutte bloccate e che restituiscono un’immagine malata e paradossale del Paese. 
La più drammatica è la situazione che si sta determinando a L’Aquila, e negli altri 56 Comuni colpiti dal terremoto 2009, dove il finanziamento di centinaia di progetti già approvati e pari circa a un miliardo di euro per la ricostruzione, sono bloccati dal patto di stabilità europeo.

La “legge Barca” aveva assicurato per un certo periodo un flusso di risorse garantito dall’intervento della Cassa Depositi e Prestiti, che metteva a disposizione dei Comuni del cratere e dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione la liquidità necessaria a far partire i progetti approvati. Lo Stato sarebbe stato garante presso la Cassa Depositi e Prestiti, dilazionando la restituzione dei fondi, che veniva spalmata negli anni successivi. Questo meccanismo si è interrotto quando l’Unione Europea ha sancito che le risorse erogate in questo modo devono essere conteggiate annualmente nel calcolo del debito, che va a incidere nel rapporto tra deficit e PIL che deve mantenersi sotto il tetto del 3% del Patto di Stabilità. Si sono quindi accumulati centinaia di progetti approvati per un importo pari al miliardo di euro e che sarebbero cantierabili immediatamente, se le risorse stanziate fossero rese disponibili.

 In Abruzzo come in Italia questa ricerca conferma la presenza di alcuni ostacoli da eliminare, a partire dalla questione del patto di stabilità interno, ma vanno eliminati anche i problemi come lo spostamento di risorse da un progetto all’altro o di risorse finanziarie perse o a rischio, soprattutto quelle di origine europea. Ci sono poi le inadempienze della pubblica amministrazione che celano molteplici tipologie di blocco. Spesso è l’inerzia dei comuni che dovrebbero progettare, coordinarsi, impegnare i fondi. Non mancano i casi in cui le opere sono bloccate dalla mancanza delle autorizzazioni ministeriali e c’è poi la guerra delle competenze e il gioco dei rimpalli. Infine c’è il grande blocco provocato da contenziosi tra ditte e pubblica amministrazione, dove a farne le spese sono i cittadini o l’ambiente e opere bloccate dall’intervento della magistratura, o dalle Soprintendenze. 
“Chiediamo ai sindaci di aiutarci a individuare tutti gli ostacoli che in Italia bloccano le opere utili per i cittadini e il territorio, per proseguire insieme nella segnalazione al Governo Renzi di cosa davvero serve al Paese e apre nuove e significative prospettive di sviluppo”. Il dossier integrale è scaricabile all’indirizzo http://www.legambiente.it/sblocca-futuro

redazione@vastoweb.com
 

Più informazioni su