vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Serie A Enel, terza tappa Viareggio: parlano i ragazzi della Sambenedettese. E su Soria……

Più informazioni su

SAMBENEDETTO. Prossima tappa Viareggio. La Sambenedettese Beach Soccer si sta allenando duramente per arrivare al meglio dopo l’exploit della tappa di Marina di Pisa. Non si possono più perdere punti per strada. Essenziali le due vittorie anche in questa terza tappa.  Intanto tra un allenamento e l’altro la squadra fa gruppo, scherza, cresce la sintonia giorno dopo giorno e c’è tempo anche per scherzi e battute. A loro viene chiesto di descrivere Peppe Soria, uno degli elementi con più esperienza alle spalle nel calcio su sabbia della squadra e anche presenze in Nazionale. Soria è: solare, brontolone, permaloso, opportunista, positivo e bomber.
Un gruppo che si trova alla perfezione quando bisogna ridere e prendersi in giro ma che ha saputo anche reagire immediatamente allo scivolone della prima tappa. Prima partita arriva la sconfitta impensata. Il gruppo vine però le partite successive rispondendo alla grande. Come si fa quando si fanno delle brutte prestazioni a rialzarsi subito e cancellare già dalla partita del giorno dopo il negativo?  “Una sconfitta può capitare, è normale in uno sport come questo soprattutto poi nella prima partita. Nel beach soccer non si ha tempo di stare lì a ripensarci. Arriva subito la partita successiva e la reazione deve essere immediata. Subito massimo impegno. Una sconfitta non cambia più di tanto l’andamento del campionato. Si Sa che ogni punto è importante per le sfide e gli incroci nelle finali. Il gruppo si va consolidando sempre di più. Lo spirito che c’è tra noi è la colla che unisce un branco di belve feroci pronte alle finali” spiega Leghissa dall’alto della sua esperienza nel beach soccer.
“L’avversario che temo di più siamo noi stessi. Quando giochiamo da squadra vera riusciamo a mettere in difficoltà qualsiasi team. Alle finali arrivano le migliori 8 del girone sud e nord. Le più temute sono sicuramente Terracina e Catania” afferma Pastore. “Se dovessi indicarci la giocata più bella vista fino ad ora nel torneo?”. “Il goal a giro di Bruno Novo contro il Livorno, goal dell’uno a zero”conclude.
“Beach Soccer significa anche portieri estremamente reattivi e vigili sui continui rimbalzi strani e deviazioni che la sabbia può provocare e che segnano da porta a porta o che si rendono partecipi delle azioni. Carotenuto e Comello provano a segnare all’avversario e a quale squadra piacerebbe loro segnare nel caso?”. “Si hai ragione sull’essere reattivo e sempre attento. Un portiere di beach soccer deve avere queste caratteristiche. Quest’ anno a differenza di altri anni dove ho fatto anche qualche goal, l’impostazione di gioco del mister obbliga il portiere a non calciare quasi mai e cosi ho meno possibilità. Se dovessi scegliere a che squadra segnare un gol mi piacerebbe farlo in una finale scudetto magari siglando quello decisivo” spiega Carotenuto.
“Il gioco impostato dal mister non consente di provare a fare goal ma mi piacerebbe…. Se dovessi segnare a una squadra? Sarebbe bello farne uno a Rossi del Livorno” il secondo portiere Comello.
“Presentiamo la tappa di Viareggio. Quali avversarie sono più da temere?”.  “Sono tre avversarie di primissimo livello e che vanno tutte per la maggiore. L’Anxur con un gruppo di giovani e con l’esperienza di Torres, Lucio, Jordan e del capitano, giocatore e allenatore allo stesso tempo, Pasquali gira con un’entusiasmo a mille visti i buoni risultati. Viareggio è conosciutissima. Gioca in casa, ha giocatori importanti e va affrontata con la massima concentrazione. Milano invece ha voglia di riscatto dopo la brutta tappa di Pisa ed è campione uscente quindi si gioca a Viareggio la qualificazione. Non vorrà fare altre brutte figure.  Sono tre partite delicate da affrontare con il coltello tra i denti senza concedere e lasciare niente a nessuno. Punti deboli difficile da trovarli in queste tre squadre. Sono tutte super organizzate e conoscono bene il beach soccer. Saremo noi gli artefici del nostro destino e possiamo arrivare lontano giocando l’uno per l’altro, aiutandoci come una grande famiglia come una grande squadra,cosa che già siamo….” Di Maio.
“Quest’anno il campionato è più equilibrato. Non abbiamo iniziato nel migliore dei modi, però abbiamo dimostrato che siamo una squadra forte. Nella seconda partita della prima fase abbiamo risposto bene giocandocela e facendolo bene e sapere che la squadra risponde presente è positivo. Nella seconda tappa contro il Livorno, abbiamo iniziato bene, tranne un piccolo calo di concentrazione e dopo contro Lamezia, abbiamo fatto, ancora, il nostro lavoro bene. La terza tappa sarà decisiva per tutte le squadre. Giocheremo contro i top team e dimostreremo che siamo in grado di superare tutti gli ostacoli. Credo fortemente nel nostro valore. Andiamo a Viareggio con una sola cosa in mente, vincere partita dopo partita e passare alla finale” suona la carica il capitano Bruno Novo.
“Tappa di Viareggio dura ed insidiosa. Affrontiamo 3 ottime squadre, squadre che lotteranno fino alla fine per il titolo nazionale. Non bisogna assolutamente temere nessuna squadra ma”rispettarla”. Noi saremo artefici del risultato finale, siamo una squadra rinnovata che deve ancora trovare la giusta dimensione, ed è per questo che solo noi decideremo la positività di questa tappa. Sappiamo che abbiamo bisogno almeno di una vittoria per arrivare alle finali e in questa settimana abbiamo lavorato duramente per raggiungere l’obiettivo, forza Sambenedettese! !!!” spiega Franco Palma.
C’è chi questo campionato Serie A Enel lo affronta dopo aver vinto già lo scorso anno il torneo Super Eight, meritatamente, con la maglia della Lazio. E’ il pivot di qualità e spessore, Gianluca Marazza. “Ambizioni per questa nuova avventura e stagione e il rapporto con il gruppo della Sambenedettese?”.  “Vorrei arrivare più lontano possibile con questa squadra qualificandoci alle finali. Il gruppo è composto da tutti giocatori bravi ad eccezione del massaggiatore Manolo (sorride ndr.) Ho un buon rapporto con tutti. Il vero punto di forza di questa squadra deve essere il gruppo quindi ognuno di noi deve dare il massimo di quello che ha” conclude Marazza.
Appuntamento quindi nel weekend con le partite della terza tappa del campionato di Serie A Enel beach soccer in cui saranno impegnati anche i vastesi Giuseppe Soria (pivot) e Manolo Monopoli (massaggiatore). Le partite domenica saranno trasmesse in diretta su Raisport. Tiziana Smargiassi (tizianasmargiassi@vastoweb.com)

Più informazioni su