vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Interrogazione parlamentare su amianto e salute operai ex Siv

Più informazioni su

VASTO. “Il Senatore Felice Casson, Vicepresidente della 2^ Commissione permanente (Giustizia), con una interrogazione parlamentare congiunta ai tre Ministri della Salute, Lorenzin, del Lavoro e delle Politiche Sociali, Poletti e della Giustizia, Orlando –si legge in una nota di Antonio Colella del comitato “ambiente e territorio” di Vasto- ha squarciato la coltre trentennale di omertà e di omissioni sulla tragedia-amianto nella ex SIV di San Salvo, poi Pilkington-Techint e, soprattutto su ciò che ne è conseguito, in termini di morti e vite-“storpiate” irrimediabilmente, in una sorta di “epidemia”, per cause che già nei primi anni ’90 apparvero “misteriose”.

Dunque, tre Ministri della Repubblica e la Magistratura di Vasto, finalmente, faranno giustizia su quelle morti innocenti, su “poco chiari affari”, e “su ciò che è realmente accaduto”, dal 1991 ad oggi, che hanno devastato la qualità della vita di lavoratori, alcuni dei quali affetti da gravissime patologie e, a tutt’oggi, con “zero diritti-INAIL” e “zero diritti-INPS”, per esposizione ultraventennale-trentennale ad amianto.

A ciò aggiungasi che, ad uno dei rappresentanti sindacali, dopo aver denunciato di avere avuto “l’amianto in faccia”, nel febbraio 1997 (per conoscenza anche al Presidente della Repubblica e al Ministro della Giustizia pro-tempore, nonché alla “Commission Européenne des Droits de l’Homme” (oggi, Corte Europea dei diritti  dell’Uomo), contestualmente vennero incredibilmente negati dati relativi alla sua persona in rapporto al lavoro svolto in fabbrica e alla situazione ambientale, con uno strano “rimpallo”, sia dall’INAIL che dalla USL di Vasto (quest’ultima adducendo un incomprensibile “segreto industriale”). In quei mesi e anni terribili egli riceveva anche “anonime e macabre minacce telefoniche”, nonché lettera “listata a lutto”, il 13.03.1998 nel 2° anniversario del suo barbaro licenziamento.

Nel rendere merito e pubblica gratitudine al Senatore Felice Casson-continua la nota del comitato- rivolgiamo l’appello ai lavoratori di Abruzzo e Molise, alla massima vigilanza e mobilitazione sul problema amianto, richiamando contestualmente l’attenzione di tutti i gruppi parlamentari a voler fare approvare finalmente il “Disegno di legge Casson” presentato alla prima riunione del Senato, in data 15 marzo 2013 e contenente “Norme a tutela dei lavoratori, dei cittadini e dell’ambiente dall’amianto, nonché delega al governo per l’adozione di un testo unico in materia di amianto”.
 

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su