vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il giallo sullo spiaggiamento dei capodogli continua. Il ministero smentisce le attività militari

Più informazioni su

VASTO. “Nelle acque italiane e, in particolare, nel medio/basso Adriatico, alla data dello spiaggiamento o nei giorni precedenti, non era in corso alcuna attività di ricerca di idrocarburi autorizzata dal Ministero”. 
Con queste parole la Direzione generale delle Risorse minerarie ed energetiche stabilisce una volta per tutte che lo spiaggiamento di 7 capologli a Punta Penna il 12 settembre fu provocato da air gun o sistemi militari.
Le  indagini sismiche nelle acque italiane, e le  verifiche svolte nei giorni in cui è avvenuto lo spiaggiamento hanno accertato che in quel periodo, al largo delle coste vastesi non operava nessuna nave oceanografica dotata di sistemi (air gun) ritenuti dagli animalisti possibili cause dello spiaggiamento dei capodogli. 
“L’unica attività rilevata”, scrive il  il ministero, “è stata quella effettuata da una nave impegnata in una campagna di ricerca scientifica riguardante la raccolta, l’uso e la gestione di dati per la tutela della fauna ittica”. Le stesse dichiarazioni erano state fatte  qualche giorno fa da Assomineraria. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su