vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Di Stefano (FI) e Magnacca (FI) Sasi e Isi: la mano destra non sa cosa fa la mano sinistra

Più informazioni su

LANCIANO. “Siamo fortememte preoccupati per come, nella gestione del bene comune acqua, la sinistra si comporti in maniera “allegra ed approssimativa”. Lo dichiara in una nota a margine della conferenza stampa indetta questa mattina a Lanciano dall’on. Fabrizio Di Stefano (FI) insieme al sindaco di San Salvo Tiziana magnacca.

“La scorsa settimana il Presidente Scutti ha convocato i sindaci per esporre il progetto di incorporamento della ISI e della SASI ed in quella sede lo stesso Presidente della ISI ha bloccato i lavori dichiarando la volontà  e necessità di sciogliere la ISI ” afferma il sindaco di San Salvo,  Tiziana Magnacca
Tutto questo ovviamente senza che i revisori dei conti, che sono gli organismi predisposti al controllo delle società, avessero avuto la possibilità di prendere visione e valutare queste ipotesi di progetto”.

Insomma – conclude Di Stefano – la mano destra non sa cosa fa la mano sinistra. E di questo i sindaci di sinistra non se ne assumono la responsabilità. Teniamo conto che secondo una valutazione fatta dall’ing. Ferdinando Fusco, che tra l’altro è socio del presidente Scutti nella società Jericho Srl , e questo è quanto meno eticamente discutibile, ha valutato in oltre 76 milioni di euro il patrimonio delle reti idriche del nostro comprensorio (incarico affidato il 5 maggio 2012 e fatturato il 28 dello stesso mese, per un importo di oltre 50 mila euro!!!) Capiamo che se qui non si fa un ragionamento serio e coscienzioso si rischia di mettere in gioco un enorme patrimonio dei Comuni, e quindi, dei cittadini con potenziali conseguenze disastrose  per i bilanci degli enti locali.

“Noi chiediamo che ci sia una commissione di sindaci di destra e di sinistra –  concludono Di Stefano e Magnacca-  che possa prendere visione di tutti i progetti e valutarli approfonditamente; chiediamo che questi possano essere affiancati da consulenti di fiducia; chiediamo di sapere quanto costa alla collettività realizzare tali progetti di cui si sta discutendo e chiediamo di sapere inoltre se e quanto potrebbe essere l’eventuale ricaduta economica sullle amministrazioni.
Ed infine chiediamo ai sindaci di sinistra, ed al Partito Democratico in particolare, di assumersi  la responsabilità politica, e dei danni che questa gestione sta arrecando a questa colletività”.

redazione@vastoweb.com

 

 

Più informazioni su