vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Scuole non antisismiche: operazione scoperta dalla denuncia del vastese Tomeo

Più informazioni su

SULMONA. La Guardia di Finanza ha sequestrato i due istituti ‘De Nino’ e il ‘Morandi’ – un istituto commerciale e uno per geometri – in quanto le opere di messa in sicurezza, finalizzate all’adeguamento sismico dopo il terremoto del 6 aprile del 2009, sarebbero state eseguite solo in parte o in maniera difforme da quanto previsto dai progetti. Sette gli indagati per falso e truffa ai danni dello Stato, in relazione a lavori che, per l’accusa, avrebbero determinato “pregiudizi statici alle strutture” tali da renderle non collaudabili.

Un’operazione nata dopo la denuncia dell’imprenditore vastese Massimo Tomeo. Nel 2013 l’uomo aveva protestato per i mancati pagamenti da parte dell’Ati Fin S.r.l.-Cosman S.r.l. di prestazioni eseguite dalla sua impresa quale subappaltatrice. Anche grazie alle sue denunce, a gennaio 2014 la Guardia di Finanza aveva eseguito il sequestro per equivalente di 250mila euro nei confronti della società Fin (Fubelli Infrastrutture) S.r.l., capogruppo dell’Ati aggiudicataria dell’appalto.

Gli ulteriori approfondimenti hanno ora anche rivelato che le opere di messa in sicurezza effettivamente svolte erano in misura e qualità decisamente difformi, per difetto. Gli indagati sono Valter Specchio, già direttore generale dell’Ente provinciale, Emidio Pacella, responsabile unico del procedimento dell’appalto dei lavori oggetto d’inchiesta, Domenico Palumbo, assessore ai Lavori pubblici, poi Antonio De Lellis, Simplicio Torrelli, Valentina Di Cosimo e Domenico Cifani. La Provincia dell’Aquila, attraverso il suo presidente Antonio Del Corvo, ha già annunciato che si costituirà “parte civile nei confronti di coloro che hanno mal operato nella messa in sicurezza della scuola”.

Il dirigente del polo scolastico, Massimo Di Paolo, ha annunciato “la chiusura immediata della scuola e l’individuazione di una struttura unica per accogliere tutta la popolazione scolastica ospitata nell’ edificio”, circa 320 ragazzi.

redazione@vastoweb.com

 

Più informazioni su