vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il futuro degli operatori del San Francesco è meno nero

Più informazioni su

VASTO. Riceviamo e pubblichiamo lettera sulla situazione dei lavoratori del San Francesco: 

“Entro la SECONDA settimana di novembre i lavoratori della Fondazione Padre Alberto Mileno dovrebbero ricevere lo stipendio che manca ormai dal mese di settembre. Alcune settimane fa, presso la direzione della Asl di Chieti si è tenuto un incontro tra il segreterio provinciale della CGIL- FP Ferdinando Costanzo e i vertici della Asl. Al termine di quell’incontro fu firmato un mandato dipagamento delle prestazioni erogate , nei confronti della Fondazione Padre Alberto Mileno, che permise il pagamento dello stipendio di agosto, restituendo una boccata di ossigeno ai lavoratori della Fondazione. Adesso è la volta di un altro incontro dall’esito positivo che si è svolto presso gli ufficiamministrativi della ASL 1 Avezzano-Sulmona-l ’Aquila a cui hanno partecipato le organizzazioni sindacali CGIL, nella persona del segretario Provinciale FP sanità Ferdinando Costanzo, la UIL aziendale e Regionale e l’amministrazione della Fondazione Padre Alberto Mileno. L’incontro inquestione era stato richiesto dalla CGIL e dalla UIL- REGIONALE.

Al termine è stato sottoscritto un accordo dove la ASL dell’Aquila si impegnaVA a liquidare il fatturato riferito al secondo semestre dell’anno 2013 e a quello dell’anno 2014.
In questi giorni sono stati eseguiti i mandati di pagamento a copertura della somma prevista dall’accordo del 10/10/2014 sottoscritto nella sede della ASL1 dell’AQUILA.

Il pagamento di questa somma restituisce ai lavoratori e all’operato della CGIL e delle altre OO.SS.una sollievo, in quanto permettera’ all’amministrazione della Fondazione Padre Alberto Mileno dipagare entro la seconda settimana di novembre almeno lo stipendio di settembre.

Il nostro impegno come CGIL continuerà nei prossimi giorni, per cercare di sbloccare crediti verso lastruttura, confrontandoci con la ASL di Chieti e l’ASREM del Molise la quale mi auguro voglia fissare la data dell’incontro in tempi rapidi, e mi auguro che da questi incontri si possano raggiungere degli accordiche permettano alle maestranze il dovuto stipendio che ad oggi arriva a singhiozzo, ed alla struttura di riabilitazione di continuare il loro operato sul territorio.

A nome dei lavoratori riconosco che l’atteggiamento degli amministratori della ASL dell’Aquila e dellaASL Chieti-Lanciano-Vasto, vadano nella giusta direzione, e mi auguro che con la ASREM MOLISE si possa seguire lo stesso percorso.

Come organizzazione Sindacale nei prossimi gg indiremo una Assemblea Sindacale presso la sede della CGIL di VASTO per discutere con i LAVORATORI quale futuro li “ATTENDA” alla luce di quello che sara’ la riorganizzazione della rete RESIDENZIALE e SEMIRESIDENZIALE che la REGIONE ABRUZZO sta’ determinando. 

 

Credo, ANCHE, che la REGIONE potrebbe migliorare il proprio bilancio alla SANITA’, con controlli sulle voci del medesimo , obbligando le ASL, non solo per sentenze del TAR, alla stesura di gare ad evidenza PUBBLICA, e non con assegnazione diretta ,COME avvenuto nella ASL di CHIETI , dove il trasporto dei MALATI si e assegnato direttamente ad un’ente allora pubblico, il tutto con un’aggravio di spesa rispetto al passato a carico della collettività”.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su