vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

M5S ha votato contro emendamento per ritirare accantonamento prima della fine del mandato

Più informazioni su

VASTO. A causa di notizie uscite parzialmente e in modo distorte sulla stampa e sui social network il gruppo consiliare del Movimento Cinque Stelle Abruzzo vuole chiarire alcuni punti riguardo il voto sulla legge dell’accantonamento di fine mandato dell’ultimo consiglio Regionale al fine di sedare eventuali politiche di strumentalizzazione

“Ci teniamo, dunque, a sottolineare -dichiara il consigliere regionale vastese, Pietro Smargiassi- che il Movimento Cinque Stelle ha votato in modo compatto contro l’emendamento che prevede la possibilità dei consiglieri regionali di ritirare il proprio accantonamento di fine mandato quando vogliono dopo un anno e un mese dalla nomina. Un voto contrario seguito da un forte scontro verbale, di cui posteremo i video appena pervenuti, tra il Consigliere Domenico Pettinari e il Consigliere Febbo. Perciò che il Movimento Cinque Stelle si è astenuto è falso.  

L’astensione è arrivata sulla legge nella sua totalità, ma perché come abitualmente si usa in politica l’emendamento “porcata” è all’interno di una legge che invece nel complesso tutela il cittadino. Infatti sono previsti dei provvedimenti a favore dei dipendenti regionali e non dei consiglieri, ovvero la possibilità di prendere il proprio tfr a 60 giorni dal pensionamento. Un provvedimento a cui noi siamo assolutamente favorevoli poiché tutela i diritti dei cittadini dipendenti della regione, che altrimenti avrebbero avuto accesso al loro accantonamento dopo 12 mesi . 

La legge arrivata in commissione prevedeva solo questo primo punto a favore dei dipendenti, è stato poi aggiunto in commissione un secondo articolo che riguardava l’accantonamento di fine mandato dei consiglieri come detto. Va inoltre sottolineato che l’accantonamento che i consiglieri andranno a prendere è comunque previsto e non è stato assegnato con la legge in questione.

L’eccezione dell’emendamento su cui noi ci siamo battuti contro in maniera durissima e abbiamo , ripetiamo votato contro, riguarda solo i tempi con cui questo accantonamento può essere richiesto, un voto contrario che per noi è una questione di correttezza tra uguaglianza al normale cittadini e politici. Naturalmente -conclude Smargiassi- nessun consigliere del movimento cinque stelle chiederà alcun anticipo sul trattamento di fine mandato”.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su