vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Case fantasma on line: identificati tre truffatori

Più informazioni su

Affittavano su internet case al mare, si facevano pagare una caparra e poi sparivano.

Nei giorni scorsi personale del Commissariato di Vasto ha denunciato tre persone in stato di libertà per il reato di truffa.

Si tratta di due uomini rispettivamente di 43 e 44 anni, entrambi napoletani  e di un giovane di 27 anni, di origini marchigiane.

I tre non avevano alcun legame, non si conoscevano perciò hanno agito singolarmente, ma certamente avevano in comune le conoscenze informatiche che hanno usato per mettere in atto la ormai collaudata tecnica della truffa telematica: ovvero proporre sui siti internet, preposti alla vendita, appartamenti o case singole in affitto a prezzi assolutamente vantaggiosi. 

L’indagine è partita in seguito alle denunce presentate da alcuni turisti che si accorgevano del raggiro solo quando, giunti nella località prescelta per godersi la vacanza, in questo caso Vasto, si accorgevano che le abitazioni erano inesistenti oppure occupate dal proprietariostesso che non le aveva assolutamentemesse in affitto, arrivando perfino ad incontrare altre persone incappate nelmedesimo raggiro.

Gli investigatori hanno accertato che in tutti e tre i casi i truffatori avevano attivato un account sul sito internet “Subito. it” da dove attiravano gli ignari clienti.

La tecnica usata era la stessa: i truffatori inserivano le foto dell’appartamento da affittare, naturalmente ad un prezzo vantaggiosissimo, inserivano un contatto telefonico con un numero di cellulare, corrispondente ad un nome di fantasia o spesso intestato a qualche cittadino straniero  irrintracciabile sul territorio e infine  richiedevano una caparra come anticipo da versare su un determinato conto corrente. Tutte procedure che facevano apparire gli annunci assolutamente regolari. 

Dopo aver ricevuto il denaro però, i truffatori si rendevano irreperibili e ai malcapitati non rimaneva che rivolgersi alla Polizia per denunciare  l’asta truffaldina. 

Le indagini esperite hanno permesso di accertare i diversi numeri di conti correnti bancari  su cui erano confluiti i pagamenti e risalire così ai responsabili. 

I  tre sono stati identificati per C.S., con precedenti di polizia per danneggiamento, lesioni, percosse  e ricettazione,  A.N. con precedenti per stupefacenti e ricettazione, e G.G.

Tutti e tre avevano a carico diversi precedenti specifici per truffa.

 

Più informazioni su