vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il Vastese in ginocchio per tagli e accorpamenti. Il sindacato di polizia non ci sta e scende in strada

Più informazioni su

VASTO – Accorpamento. E’ diventato un termine sempre più diffuso. Dodici lette e cinque sillabe per dire in modo elegante che verrà eliminato un servizio. Ma quando l’accorpamento è contestuale alle sforbiciate diventa un problema grosso. I cittadini del Vastese lo stanno provando sulla propria pelle. Gli accorpamenti della Sanità hanno svuotato il San Pio. I continui accorpamenti delle forze dell’ordine stanno avendo un effetto rigenerante per la malavita. La polizia non ci sta.    
Sono tornati in strada anche ieri pomeriggio gli agenti aderenti al sindacato autonomo di polizia Sap. Loro non si arrendono. Protestano contro la chiusura dell’ufficio Polfer della stazione ferroviaria Vasto-San Salvo e l’accorpamento della polizia stradale alla sottosezione autostradale Vasto-sud. Per manifestare il loro disappunto  e cercare di scongiurare la iattura ,gli agenti hanno scelto un camper. Ieri pomeriggio alle 16 il camper è arrivato a Vasto e si è fermato davanti agli uffici che dovrebbero essere accorpati. 
L’ ufficio della Polfer secondo il progetto redatto  del Dipartimento della PS è destinato ad essere chiuso. Quello della polizia stradale, accorpato. Sulla vicenda è intervenuto  il senatore Gianluca Castaldi ( M5S), ma prima ancora il sindaco di San Salvo ,Tiziana Magnacca e quello di Vasto, Luciano Lapenna. Mai come in questo momento i rappresentati politici di centrosinistra e centrodestra sono daccordo. Chiudere un presidio di polizia in una località di confine presa sempre più spesso di mira dalla malavita equivale a condannare il territorio al degrado. 
Ben venga la razionalizzazione dei servizi. L’importate è che la mappa venga disegnata in base a quelle che sono le esigenze effettive dei territori. Il Vastese ha già aperto una porta alla malavita campana. Sulla Fondovalle del  Trigno due carabinieri dovrebbero tenere sotto controllo quattro comuni. Chiudere il posto di polizia alla stazione e l’ufficio della polizia stradale in viale Giulio Cesare a Vasto potrebbe provocare conseguenze gravissime. Tutti i sindacati di polizia sono d’accordo.  Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)  

Più informazioni su