vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Per troppe donne la violenza è pane quotidiano…

Più informazioni su

SAN SALVO. A quanti martedì prossimo, 25 novembre, si recheranno nei supermercati o nelle panetterie di San Salvo il pane che acquisteranno verrà consegnato in una busta bianca sulla quale è stato stampato questo slogan: “Per troppe donne la violenza è pane quotidiano – Aiutaci a rompere il silenzio che la circonda”. 

E’ l’iniziativa dell’Assessorato alle Politiche sociali e del Centro antiviolenza Save di San Salvo per sensibilizzare l’opinione pubblica, e in particolare le donne, sui drammi che si consumano tra le mura domestiche nella “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”.

Nell’aula consiliare il sindaco Tiziana Magnacca e l’assessore alle Politiche sociali Maria Travaglini hanno incontrato i commercianti che hanno aderito all’iniziativa, consegnando le buste e illustrando le tematiche legate alla Giornata contro la violenza sulle donne. La busta bianca con lo slogan “Per troppe donne la violenza è pane quotidiano – Aiutaci a rompere il silenzio che la circonda” la giornata del prossimo 25 novembre per continuare nell’impegno dell’Amministrazione comunale in questo percorso di presa di coscienza sulle situazioni di disagio che vedono le donne protagoniste in negativo nella nostra società.

Nel pomeriggio di martedì 25 novembre si svolgerà un incontro-dibattito presso la Casa della Cultura in Piazza San Vitale, con inizio alle ore 16.00.

Dopo i saluti del sindaco Tiziana Magnacca, dell’assessore alle Politiche sociali Maria Travaglini e di Maria Luisa Di Mucci, dirigente scolastico del Mattioli, ci saranno gli interventi di Manuela Colanzi, psicologa e operatrice Centro Antiviolenza Save, Mara Ricciuti, psicoterapeuta e coordinatrice del Centro Antiviolenza Save, Silvia Notaro, operatrice Centro Antiviolenza Save e Ornella Bastonno, dirigente Pronto soccorso ospedale “San Pio da Pietrelcina” di Vasto. 

A seguire la proiezione di filmati realizzati dai ragazzi del Mattioli di San Salvo e il dibattito.

Più informazioni su