vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

80mila euro da Pescara per la ricerca Telethon

Più informazioni su

PESCARA. È di Pescara il venditore che ha raccolto più fondi. Vincenzo Ruggieri ha coinvolto moltissimi clienti nell’acquisto di prodotti dell’azienda di surgelati, il cui ricavato finanzierà la ricerca sulle malattie genetiche. Sarà a Roma il 13 dicembre per la consegna dell’assegno alla Fondazione Telethon

Ci sarà anche un collaboratore Bofrost di Pescara, Vincenzo Ruggieri, alla maratona Telethon di sabato 13 dicembre a Roma, durante la quale Bofrost Italia, specialista nella vendita diretta di specialità alimentari surgelate, consegnerà un assegno di ottantamila euro a Telethon perché continui la ricerca sulle malattie rare. Vincenzo Ruggieri e una sua collega del Friuli Venezia Giulia sono i venditori che hanno raccolto più fondi, coinvolgendo numerosi clienti nell’iniziativa di solidarietà, e sono dunque stati invitati a partecipare alla diretta tv.

«La nostra azienda è impegnata nel sostenere la ricerca medica da anni –spiega Gianluca Tesolin, amministratore delegato di Bofrost Italia– e siamo orgogliosi di poter donare a Telethon, per il secondo anno consecutivo, gli 80mila euro raccolti grazie all’impegno dei nostri venditori e venditrici e alla generosità dei nostri clienti».

 

I contributi raccolti da Bofrost Italia derivano dalla vendita di alcuni prodotti speciali: un euro per ogni Calendario di Ricette 2015 e cinquanta centesimi per ogni Babbo Natale di cioccolato venduto. «Ringrazio quindi i nostri clienti per la loro entusiastica risposta all’iniziativa –continua Roncadin– e ringrazio anche i nostri collaboratori e collaboratrici, che si sono impegnati nel promuovere l’operazione e nel coinvolgere i clienti». Proprio i due venditori che hanno raccolto più fondi, Vincenzo Ruggieri di Pescarae Manola Bertoia di San Vito al Tagliamento, parteciperanno alla maratona Telethon alla Rai di Roma, dove il 13 dicembre avverrà la consegna in diretta dell’assegno.

«Unendo le forze e raccogliendo i piccoli contributi di tutti si può fare tanto –conclude Tesolin–. Siamo felici di aver fatto qualcosa di concreto per cambiare la vita delle persone malate, nonché di aver fatto conoscere ancora di più la missione della Fondazione Telethon».

redazione@vastoweb.com

 

 

 

Più informazioni su