vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Accusato di tentata estorsione alla madre urla la propria innocenza

Più informazioni su

CASALBORDINO. Giura di essere vittima di un grosso equivoco. Confida nella giustizia e spera che dal processo venga fuori una versione diversa da quella che lo ha messo nei guai. Sarà emessa il 5 maggio 2015 la sentenza a carico di R.D.S., 34 anni, biologo-analista di Casalbordino, accusato di tentata estorsione aggravata e porto abusivo di armi. 
La sentenza era prevista per ieri mattina ma è slittata per l’impossibilità di formare il collegio giudicante. L’uomo, assistito dagli avvocati Arnaldo Tascione e Giovanni Cerella 3 anni fa avrebbe  spaventato la madre minacciandola con una pistola. Fu la donna, in preda all’angoscia, a chiedere aiuto ai militari. 
La signora raccontò che il figlio si era appropriato della pistola che lei deteneva regolarmente in casa per difesa personale e si era allontanato da casa  portando con sé l’arma. Temendo  che il figlio potesse compiere qualche sciocchezza  la donna chiamò il 112.  La difesa batte per dimostrare che l’imputato non avrebbe mai fatto del male a nessuno. Tanto meno alla madre. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su