vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Trigno terre sostenibili" alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano

Più informazioni su

“Trigno terre sostenibili”, il marchio d’area della media valle del Trigno, nato  seguito di azioni di marketing e governance territoriale, e che vede coinvolti nove comuni molisani e undici abruzzesi (Acquaviva, Collecroce, Carunchio, Castelguidone, Castelmauro, Celenza sul Trigno, Dogliola, Fresagrandinaria, Lentella, Mafalda, Montefalcone nel Sannio, Montemitro, Palmoli, Roccavivara, S. Felice del Molise, S. Giovanni Lipioni, Schiavi d’Abruzzo, Tavenna, Torrebruna, Trivento, Tufillo), unitamente a molteplici operatori economici del territorio, parteciperà alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano che si terrà nei giorni 12, 13 3 14 febbraio prossimo.
L’iniziativa, presentata a Santa Maria di Canneto il 28 luglio 2014, è nata dal basso, grazie al forte impulso dei Sindaci, insieme ad una molteplicità di operatori economici, coinvolti attraverso un avviso pubblico, che, questa volta, sono riusciti a convergere su un’unica idea di sviluppo di questa valle.
La partecipazione alla BIT di Milano, padiglione 9, stand 17, rappresenta soltanto l’ultima azione di un più generale e completo “progetto integrato territoriale” orientato allo sviluppo e alla governance, “dal basso”, di questa parte di valle del fiume Trigno, che muove dall’idea di “Marca adriatica” che ha come obiettivo la riunificazione delle due regioni, insieme a quella marchigiana, dimostrando l’inutilità dei limiti amministrativi, a fronte dell’omogeneità dei valori storico-antropologici e territoriali, unitamente a comuni intenti di sviluppo, redatto dall’arch. Beniamino Di Rico, professore a c. di Progettazione urbanistica all’Università degli Studi di Firenze e dal dott. Donato Carmine Di Giacomo, economista, già professore a.c. di Valutazione economica dei piani all’Università G. D’Annunzio Chieti Pescara unitamente all’arch. Emilia Corrasi, professore a.c. di Progettazione architettonica al Politecnico di Milano, con il coinvolgimento di altri tecnici locali.
A Milano, i Sindaci e gli operatori economici di questa valle, offriranno uno spaccato della storia, dell’archeologia, dell’ambiente, del paesaggio, dell’antropologia e dell’enograstronomia di questa parte di valle, proiettando documentari specifici, diffondendo una apposita brochure sulle risorse territoriali e, soprattutto proponendo ai ventotto buyer internazionali (nord europei, cinesi, indiani, australiani, americani, canadesi), che incontreranno nei primi due giorni della manifestazione, un’offerta turistica integrata, di qualità, quale “esperienza unica, autentica e irripetibile”, sostenibile, che solo queste terre, e chi vi vie, può offrire, lanciando, così, l’intero territorio, all’interno delle competizioni urbane e territoriali internazionali, forire di nuovo sviluppo delle aree interne, basato sulla valorizzazione delle risorse esistenti, capace di riavviare il volano economico di questa valle, attraverso l’autonoma gestione della “gente” che qui vive.
A tal proposito, è convocata una conferenza stampa, per sbato 7 febbraio prossimo, alle ore 8 presso la sala conferenze del Santuario di Santa Maria del Canneto in Roccavivara, dove meglio si illustreranno gli obiettivi del progetto e verranno presentati i materiali che si esporranno al BIT, quali la brochure “Trigno terre sostenibili, esperienza unica, autentica, irripetibile”, il documentario filmato sui borghi, l’archeologia, il paesaggio, gli antichi mestieri, l’antropologia e i sapori di questa parte di valle e il portale internet.  redazione@vastoweb.com

Più informazioni su