vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vasto Marina-Sulmona, Baccalà:"Giovani in campo per mostrare il loro valore. La fusione è essenziale"

Più informazioni su

VASTO. Mentre sul campo di Cupello domenica andrà in scena una delle partite più interessanti della giornata con il Cupello di mister Di Francesco in grande spolvero che affronta una Vastese rigenerata dalla cura Vecchiotti, all’Aragona a darsi battaglia ci saranno Vasto Marina e Sulmona che vogliono evitare l’ultimo posto in classifica e soprattutto mantenere un distacco dalle altre squadre sopra che gli consenta quanto meno di disputare i play out.
Due formazioni che vengono da un periodo non facile. I vastesi domenica manderanno in campo una formazione che vedrà quasi tutti giovanissimi e tra i titolari molti juniores. Tutti con il coltello tra i denti perchè gli sarà data cosi, a stagione ormai compromessa in gran parte, l’occasione di mettersi in mostra e far vedere di potersela giocare anche in un campionato professionistico non facile come quello di Eccellenza. Grinta, cuore e mettendocela tutta. Mister Roberto Cesario con la prima squadra e mister Massimo Baiocco con la juniores cercano ogni giorno di inculcare nei ragazzi che li seguono queste cose con massimo impegno e rispetto. E’ giusto dare loro una occasione per farsi vedere e magari poter poi essere chiamati da squadre di questa stessa categoria o anche superiori. Giusto anche che vadano forze locali in campo in questo finale per far in modo che si valorizzi il potenziale che abbiamo in zona e che non si vada sempre a cercare fuori Regione. Abbiamo ragazzi validissimi e cercheranno di dimostrarlo. Questo campionato è in parte secondo noi falsato dalla questione Borrello. E invece ci preme sottolineare come nel caso del derby con la Vastese non c’è stato nulla di sporco o losco e le cose poi sono andate come dovevano. In queste categorie ci sono società e dirigenti che ogni giorno investono su questo sport e che spesso si trovano davanti situazioni sul campo che poi li scoraggiano ad andare avanti. Investire nel calcio al giorno d’oggi è un rischio e quei pochi che ancora lo fanno lo fanno per passione. Speriamo quindi che le cose migliorino anche a livello di organizzazione per poter tornare a vivere il calcio come lo sport più bello del mondo e lasciare tante polemiche a casa. Intanto continuiamo a sperare e lavorare per il futuro accordo o per porre le basi per questa fusione con l’altra squadra di Vasto di cui parliamo da tempo. Al momento non ci sono le basi e non si sono fatti passi avanti. Bisogna inserire imprenditori che vogliano davvero far squadra e gente che del calcio abbia passione e ne capisca sia nelle figure dirigenziali che in quelle tecniche. Noi vorremmo aprire un discorso, un dialogo in cui i personalismi sicuramente dovranno venire meno. Meno orgoglio, meno interesse personale, meno personalismo e più gruppo, unione di intenti perchè solo cosi riusciremo a far rialzare la china al calcio a Vasto che sennò sta scomparendo. Solo cosi potremo andare avanti e progettare. Perchè attualmente stiamo facendo ridere in giro per l’Italia con le situazioni che abbiamo purtroppo” spiega Massimiliano Baccalà , ex presidente del Vasto Marina e aiuto nella dirigenza.
Il Sulmona dal canto suo viene dal pareggio interno contro il Capistrello dove, su un campo al limite della praticabilità, non sono riusciti a conquistare i tre punti. Solo un pari. Zero a zero il risultato finale che rispecchia anche l’andamento non brillante del match. Nessun tiro in porta pericoloso nè da parte del Capistrello nè dei padroni di casa. Una partita condizionata dal terreno di gioco sul piano della tecnica ma anche dalla stanchezza a un certo punto del match e dagli stimoli che forse in alcuni sono venuti meno. Pubblico che ha incitato i suoi spronandoli spesso anche con toni accesi. Sintomo che in città ci tengono a salvarsi e ripartire ricostruendo qualcosa di migliore. Tanti giovani in campo anche nelle fila del Sulmona che pensa già con la società a progettare anche il futuro. Tiziana Smargiasi (tizianasmargiassi@vastoweb.com)

Più informazioni su