vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Holter metabolico: open day per il monitoraggio del consumo calorico

Più informazioni su

La nostra frenetica vita moderna è oggi paradossalmente sedentaria, quotidianamente maciniamo chilometri, ma in auto, con i mezzi e, anche in casa, nelle comuni faccende, siamo ormai schiavi di elettrodomestici che quasi annullano il nostro movimento. Tutto questo nonostante il mondo scientifico ci sensibilizzi alla cultura del movimento per garantirci un buono stato di salute. La nostra salute, il nostro benessere fisico e psichico vanno infatti sempre di pari passo con uno stile di vita attivo e con una corretta alimentazione che preveda il controllo di cosa e quanto mangiamo, delle calorie assunte e consumate. Abbiamo chiesto al Dott. Domenico Centofanti, Medico Specialista in Scienze dell’Alimentazione e responsabile del centro medico per la cura del sovrappeso, dell’obesità e delle problematiche di interesse alimentare, di darci delle informazioni sulle calorie e sul bilancio energetico di cui spesso si sente parlare.              
“Il bilancio energetico -spiega il dottor Centofanti- indica il rapporto tra l’energia introdotta con l’alimentazione e il dispendio energetico ovvero l’energia consumata con le attività quotidiane come dormire, essere svegli e a riposo, fino ai lavori più pesanti e alle attività sportive. Il dispendio energetico, a sua volta, dipende dalla sommatoria di due componenti: il metabolismo basale e l’energia consumata con l’attività fisica. Quando il bilancio energetico non è equilibrato e s’introducono più calorie di quante se ne consumano, il nostro organismo accumula grassi che accrescono il volume del tessuto adiposo in alcuni distretti corporei specifici come addome, glutei o cosce, ma anche in sedi dette ectopiche, quali muscoli, cuore, fegato, ecc. In questi casi soprattutto, i grassi in eccesso influenzano il funzionamento degli organi ed interferiscono con la salute causando malattie anche gravi. Tutto è quindi correlato a quanto mangiamo ma soprattutto a cosa mangiamo: a parità di calorie non tutti i cibi si comportano alla stesso modo nel nostro corpo”.     
“Per conoscere il metabolismo basale e l’energia consumata con l’attività fisica esistono delle procedure particolari?”.        “Il metabolismo basale, vale a dire il minimo dispendio energetico necessario per vivere, quello cioè per la termoregolazione, la respirazione, la circolazione sanguigna, il funzionamento di tutti gli organi e sistemi del nostro organismo non è ovviamente uguale per tutti perché condizionato da sesso, età, altezza, peso e composizione corporea. La sua misurazione richiede l’intervento del medico o di altro personale sanitario qualificato che dovrà rilevare oltre al peso ed all’altezza, anche la massa magra e la massa grassa. Sofisticati software ci permettono di risalire poi al metabolismo basale. Il calcolo invece dell’energia consumata con l’attività fisica è più complicato e presuppone il controllo di tutte le attività quotidiane, da quelle più semplici fino all’attività sportiva, vanno poi esaminati anche il sonno e le ore di riposo utilizzando un idonea apparecchiatura. Da qualche tempo ormai l’Holter metabolico è lo strumento che permette di monitorare l’attività fisica, ma più in generale l’intera giornata del paziente, calibrando i parametri rilevati in funzione delle caratteristiche personali (età, sesso, peso, altezza e metabolismo basale)”.           
“Quindi più nel dettaglio cosa misura l’apparecchio?”.     “Quantifica e identifica i livelli di attività fisica, i passi, il movimento, gli stati di sonno e veglia e altri parametri, durante tutto l’arco della giornata. Indossato per più giorni, consente di ottenere informazioni sul metabolismo in diverse situazioni di vita: lavoro, sport, relax, ecc”.             
“Come si effettua il test?”.       “La registrazione dei dati è molto semplice e non invasiva. L’holter metabolico è uno speciale sensore che si indossa a “fascia” sul braccio, è in grado di registrare parametri fisiologici e dati di attività fisica per un periodo di tempo variabile, da tre a sette giorni. Inoltre dispone di un pulsante “Marc Event” che se premuto all’inizio e alla fine di una data attività (ad esempio un allenamento, una passeggiata, un pasto) consente di valutare la risposta metabolica a quello specifico evento segnalato”.     
“Per chi può essere utile?”.      “Lo strumento può essere indossato da chiunque ed in qualsiasi ambiente: lavoro, scuola, sport, ecc.. E’ ideale per tutte le persone che non riescono a perdere peso, per gli obesi, per le donne in menopausa che hanno un rallentamento del metabolismo, per gli sportivi che vogliono migliorare la loro performance, insomma per tutti”.
“In conclusione perché consiglia di effettuare questo test?”.             “Negli anni in cui mi sono occupato di nutrizione e delle problematiche connesse ad un’alimentazione quantitativamente e qualitativamente non corretta, ho visto molti pazienti seguire la dieta e praticare attività sportiva ottenendo scarsi risultati a dispetto dell’impegno profuso. Con l’holter metabolico sarà possibile conoscere con precisione i dati di metabolismo basale e consumo calorico e quindi formulare piani alimentari perfettamente calibrati sulle esigenze energetiche di ciascun individuo, al fine di ottenere i massimi risultati dalla dieta e dall’attività fisica”.     “Chi volesse utilizzare l’Holter metabolico cosa deve fare?”     “Nel nostro studio è disponibile questa tecnologia all’avanguardia. A tal proposito il 21 Marzo organizzeremo un OPEN DAY dedicato proprio al monitoraggio del consumo calorico. In questa occasione, a tutti coloro che saranno interessati, effettueremo la misurazione del metabolismo basale e dell’energia consumata con l’attività fisica mediante l’impiego dell’Holter metabolico”. redazione@vastoweb.com

Più informazioni su