vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Vasto sempre più periferia d’Abruzzo grazie a D’Alfonso"

Più informazioni su

VASTO.  “Nel corso della Fiera dell’Agricoltura di Lanciano l’assessore regionale alle politiche agricole Pepe ha dichiarato pubblicamente che gli uffici UTA di Lanciano e Ortona non chiuderanno. All’ ufficio Vasto nessun riferimento, la Regione ha deciso dunque che l’UTA di VASTO sarà l’unico a chiudere ?” è quanto ha dichiarato il consigliere comunale di forza Italia Antonio Monteodorisio.

“E’ di venerdì -spiega Monteodorisio- la notizia che la Casa di Riposo di Sant’Onofrio chiuderà, i  56 ospiti  dovranno essere trasferiti , mentre  i 17 dipendenti della struttura resteranno senza lavoro.

 Né il comune di Vasto proprietario dell’immobile , né la Regione che lo gestisce ,  hanno stanziato i 300 mila euro necessari per la ristrutturazione, non riconoscendo di fatto  il valore sociale e comunitario della residenza istituita con Decreto emanato da Vittorio Emanuele II nel lontano 1875.

Mentre a Vasto si perdono uffici e servizi con il consenso dell’amministrazione Lapenna che sta a guardare immobile, in Regione si programmano le chiusure dei punti nascita e la petrolizzazione del territorio.

Vasto perde di importanza e centralità sempre di più,  basti pensare alle proposte  di D’Alfonso  inerenti la costruzione di un nuovo  unico ospedale nel pescarese che richiederebbe il ridimensionamento dell’Ospedale San Pio e la mancata costruzione di una nuova struttura  a Vasto .

 Il centro sinistra regionale sta distruggendo l’Abruzzo con il silenzio assenzo delle amministrazioni comunali di centro sinistra.

Cosa sta facendo  l’amministrazione Lapenna per  scongiurare la costruzione di Ombrina Mare , che condannerà il mare a l’ aria  di Vasto all’inquinamento da idrocarburi?

Cosa sta facendo questa amministrazione per salvare il Sant’Onofrio?

Cosa sta facendo questa amministrazione per non far chiudere uffici e servizi?

Vasto dunque sempre più periferia d’Abruzzo grazie alla politica di D’Alfonso che decide quali aree sono degne di sviluppo e crescita e quali rappresentano invece terra di conquista”.

 redazione@vastoweb.com

Più informazioni su