vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sparatoria di San Salvo. I difensori pronti a difendere i propri assistiti

Più informazioni su

VASTO. “Clirim Tafili non ha sparato. Ha chiesto anche la prova dello Stuv sui suoi abiti. Dal primo minuto ha dichiarato di non aver sparato”. E’ quanto afferma l’avvocato Alessandro Orlando che insieme a Giovanni e Antonello Cerella difende tre delle quattro persone arrestate dopo la sparatoria di martedi sera all’esterno del bar Evelin. ” E’ stato Tafili a chiamare l’ambulanza per Fasli, altro che tentato omicidio” . insiste il legale. Gli indagati saranno interrogati domani mattina dal gip. Faslia Fasli il disoccupato ferito nel conflitto a fuoco è stato operato. Fasli è la figura chiave. Il suo interrogatorio è importante. Martedi sera è andato da solo davanti al bar Evelin. Sapeva di rischiare la vita. Il suo comportamento fa pensare che fosse sconvolto. Ma più per vicende personali che per altro. 
Difficile pensare che potesse gestire da solo un eventuale regolamento di conti fra bande rivali. Ma sono ipotesi che al momento devono ancora essere accertate. Così come è da accertare se Fasli Faslia avesse legami con il bar Totalino di via Del Porto a Vasto, teatro di un agguato lo scorso 23 marzo. I carabinieri non escludono collegamenti fra quell’episodio e la sparatoria di martedi sera. La Procura vastese indaga anche sulle armi. I quattro uomini finiti in manette erano tutti armati. Quante altre persone dello stesso gruppo avevano una pistola quella sera? Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su