vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

I giocatori e lo staff del Cupello descrivono la loro annata calcistica e ringraziano…..

Più informazioni su

CUPELLO. La vittoria con risultato tennistico nella penultima di campionato contro il Sulmona ha confermato quanto l’ambiente a Cupello si sia ricompattato e i ragazzi si siano resi protagonisti di una stagione encomiabile. All’inizio qualche difficoltà di percorso per la squadra del presidente Di Francesco. Qualsiasi gruppo si sarebbe potuto sgretolare sotto il punto di vista psicologico. Sarebbero potuti esserci problemi di nervosismo, di incomprensione, si sarebbe potuto cambiare molto espediente a cui ricorrono molte squadre di solito. E invece il Cupello si è ricompattato, ha cambiato poco e nulla e si è ritrovato con la forza del gruppo giorno dopo giorno già prima delle feste natalizie a raccogliere i frutti dell’impegno e della “pazienza” e caparbietà- I numeri parlano da soli poi. Una squadra che per poco non è rientrata nella zona play off e ha fatto spesso la voce grossa con le migliori squadre del campionato. Il sintetico di Cupello è diventato un vero fortino. Abbiamo chiesto ai giocatori di descrivere la loro annata nel Cupello con una sola parola e spiegare poi la motivazione della scelta.
VINCENZO BENEDETTI: “La parole che scelgo è RARITA’. Trovare al giorno d’oggi un’ ambiente, una società, un gruppo di persone vere, genuine e appassionate che hanno fatto di tutto per far si che tutto andasse in linea con i programmi iniziali senza venire meno ai rapporti umani, economici e di schiettezza è una rarità..sperando che il paese si avvicini di più a questa fantastica realtà creatasi l anno scorso da una fusione di due società”.
GIOVANNI MARTELLI: “FONDAMENTALE. Per ridare lustro ad una società neonata e ad una comunità come quella di Cupello che merita certe soddisfazioni per i valori umani e di ospitalità che ha dimostrato. Ci auguriamo che dopo questa ottima stagione molti più appassionati si avvicinino alla squadra per quel che riguarda anche le altre categorie giovanili. Siamo contenti per come sono andate le cose. Non era facile. Abbiamo sofferto molto ma io c’ho sempre creduto. Abbiamo buoni giocatori e speriamo di poter restare uniti anche come gruppo per il prossimo anno”.
MARIO QUINTILIANI: “SHTRAORDINARIA. Proprio con l’h eh! (sorride ndr). Straordinaria come la stagione appena vissuta!è stato un anno importante sopra ogni più rosea aspettativa grazie ad una società e un gruppo di amici fantastici! Lavorare in questo ambiente e trovare una società puntuale,trasparente e organizzata che ti fa lavorare con serenità rende tutto più facile. Ci tenevo a ringraziare i miei compagni,il mister,i collaboratori,il presidente e tutta la società per questa stagione che porterò sempre nel cuore!”.
PIERLUIGI D’ANTONIO: “PRECISIONE. Stagione caratterizzata da una prima fase un pò negativa ed una seconda più che positiva.  Dico precisione perché gli obiettivi societari sono quasi totalmente raggiunti, quali la salvezza e l’altro non lo dico ancora, scaramanticamente, perché siamo ancora in gioco (sorride ndr).  Tutto ciò è merito del lavoro svolto dalla società che con grande serietà non ci ha mai fatto mancare nulla, dello staff tecnico e medico e del gruppo, composto di uomini prima e calciatori dopo”.
MANOLO MONOPOLI: “POSITIVA. Non è mancato nulla. Mi sono trovato benissimo e ringrazio tutti da società a mister a calciatori che poi sono amici prima che atleti”. Tiziana Smargiassi (tizianasmargiassi@vastoweb.com)

Più informazioni su