vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

L'Avezzano batte la Vastese e vince il campionato. Euro goal di Bisegna

Più informazioni su

L’Avezzano centra la Serie D. Ma quanta fatica!!! La squadra di Lucarelli riesce ad avere la meglio su una buona Vastese solo al 49′ della ripresa, grazie ad un’invenzione da cineteca di Michele Bisegna, che fa esplodere la gioia biancoverde all’ultimo secondo utile di una stagione sofferta fino alla fine. Ma partiamo da principio. Siamo giunti ai titoli di coda di questo entusiasmante e combattutissimo campionato di Eccellenza che, mai come in questa stagione, ci ha tenuti col fiato sospeso. Ultimi 90 minuti al termine dei quali il campionato avrà la sua vincitrice e, comunque vada, l’unica certezza è che il titolo resterà nella marsica:  Avezzano o Paterno. Determinante per i biancoverdi potrebbe rivelarsi il punticino di vantaggio che sono riusciti a conservare sui cugini. L’ostacolo da affrontare, però, è tutt’altro che semplice. La Vastese di Vecchiotti, infatti, attende la capolista all’Aragona con la voglia di ben figurare contro la prima della classe e chiudere questa stagione regalando una grossa soddisfazione ai propri tifosi. Le motivazioni sono diverse, ma la storica rivalità tra le due squadre è risaputa, tanto che il Prefetto di Chieti ha vietato la trasferta ai marsicani. Ma, nonostante il proprio pubblico non sia sugli spalti, l’Avezzano fa la partita fin dai primi minuti. All’11’ Krass ci prova da fuori, ma trova pronto Antenucci alla parata a terra. La Vastese risponde al 16′: lungo lancio dalle retrovie per Soria, che mette in mezzo per l’accorrente Tarquini, che non ci arriva di un soffio. Al 20′ doppio tentativo da fuori area di Bisegna, che costringe Antenucci alla respinta coi pugni. Puglia si avventa sulla sfera e centra la traversa, ma il II assistente Consalvo aveva già ravvisato la posizione di offside. Tutto da rifare per l’Avezzano, apparso contratto nei primi minuti, troppo importante è la posta in palio. Al 40′ Kras dall’angolino destro dell’area crossa per Stefano Miccichè che, tutto solo, sul secondo palo, fa tremare la traversa. È l’occasione più ghiotta dei primi 45 minuti che terminano sul parziale di 0-0, mentre dal “Barbati” arriva la notizia che il Paterno sta vincendo sul Pineto. Ad inizio ripresa arriva il vantaggio marsicano. Una gran stoccata dai 25mt. di Bisegna che, implacabile, s’insacca all’angolino. La Vastese, però, risponde colpo su colpo. Al 18′ Soria costringe Ciciotti alla parata in tuffo. Passa un minuto, e Moro dalla parte opposta sfiora la traversa. La Vastese nonostante abbia speso molto nel primo tempo, ha ancora forza nelle gambe e, al 22′, Tarquini in diagonale spizza il palo. Brividi per l’Avezzano, che risponde al 37′: Stefano Miccichè recupera palla sulla trequarti e, in diagonale, colpisce il secondo legno personale della partita. Al 40′ doccia gelata per l’Avezzano: punizione di Michele D’Ambrosio nel mucchio, tra un groviglio di gambe Benedetto trova la deviazione vincente, approfittando dell’uscita a vuoto di Ciciotti. Nulla può il tentativo di salvataggio sulla linea di Krass. La sfera è entrata, mancano soli 3 minuti più recupero e il sogno biancoverde sembra svanire. Le speranze marsicane sono ridotte al lumicino, ma proprio quando tutto sembra ormai perduto, al 49′, Michele Bisegna s’inventa una perla delle sue e porta l’Avezzano in Serie D. È lui l’uomo in più dei marsicani, 18 gol in 17 partite, una media impressionante. La gara termina qui. Esplode incontenibile la gioia biancoverde. Quando si dice, crederci fino all’ultimo istante.
VASTESE 1 AVEZZANO 2 VASTESE: Antenucci, Balzano (Cataruozzolo), Stigliano (D’Ambrosio Gabriele), Spagnuolo (Benedetto), Giuliano, De Fabritiis, Bonuso, D’Ambrosio Michele, Tarquini, Soria, D’Adamo. A disposizione: Schiavone, Berardi, Napolitano, Marchioli. Allenatore: Vecchiotti. AVEZZANO: Ciciotti, Menna, Felli (Bittaye), Sassarini, Venditti, Tabacco, Puglia (Di Genova), Kras, Moro, Bisegna, Miccichè (Di Francia). A disposizione: Di Girolamo, Camporesi, Di Pippo, Catalli. Allenatore: Lucarelli.  ARBITRO: Franco Iacovacci di Latina ASSISTENTI: Cicchitti (Chieti), Consalvo (Lanciano) RETI: 6’st Bisegna, 40’st Benedetto, 49’st. Bisegna NOTE: Ammoniti: De Fabritiis, Cataruozzolo, Menna, Venditti, Miccichè. Recupero: 2’pt. e 4’st. Roberta Di Sante.

Più informazioni su