vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Ricorre oggi il centenario della nascita di don Salvatore Pepe ma a Vasto nessun sembra ricordarlo

Più informazioni su

VASTO. Il 3 giugno di cento anni fa nasceva a Vasto Don Salvatore Pepe, sacerdote di profonda cultura e esemplare educatore. Studioso appassionato Don Salvatore Pepe fu un trascinatore di anime. Ha rappresentato un ruolo importante quale protagonista di iniziative culturali e missionarie, interventi sulla stampa, in tv, nella pubblicazione di volumi, che hanno lasciato indelebile traccia nel patrimonio vastese. Un sacerdote che si dedicò al servizio della missione cristiana, di un uomo che, con la parola, l’esempio e gli scritti, ha dato un determinante contributo per l’elevazione spirituale, morale e culturale della nostra gente. E’ cresciuto sotto la guida di don Romeo.  Viceparroco a San Pietro in Vasto, nel 1941 e poi nel 1949 è diventato canonico del Capitolo Cattedrale di Vasto e nel 1986 presidente dello stesso Capitolo.  Fin da giovane  ha rivelato le sue caratteristiche di uomo di lettere e di poeta: saggista, critico e giornalista. Cappellano dell’Ospedale Civile è stato anche insegnante di Religione nelle scuole superiori per oltre 40 anni. Monsignor Capovilla scriverà di lui: “non mi costa nulla ammettere che intellettualmente egli mi sovrastava”.   Un vero peccato  che la comunità vastese abbia dimenticato di ricordarlo a cento anni dalla sua nascita.  A manifestare la profonda amarezza per la mancata celebrazione di eventi in occasione dell’importante centenario è soprattutto lo storico vastese Pino Iubatti, che con don Salvatore ha avuto una profonda amicizia ed ha curato la pubblicazione di “Medaglioni e occasioni”, una raccolta di articoli sparsi di varia religiosità del sacerdote vastese morto a Bucchianico il 15 maggio 1997.
Paola D’Adamo  paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su