vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Donna denunciata per truffa, attirava ignari clienti con prezzi allettanti

Più informazioni su

VASTO. La donna aveva attivato un “account” sul noto sito internet “Subito.it”, da dove attirava gli ignari clienti, mettendo in atto la ormai collaudata tecnica della truffa telematica che, in questo caso,  proponeva la vendita di due motori fuori bordo, con relativa foto, ad un prezzo assolutamente allettante.  Il prezzo dei motori e la notorietà del sito agevolavano la donna nel portare a termine il reato. Per rendere più credibile l’affare, inoltre, nell’annuncio si informavano gli acquirenti interessati che i motori erano visionabili presso una società avente sede a Vasto.
Il compratore, in questo caso un uomo residente in Slovenia, non tardava a contattare il venditore al fine di   prenotare l’acquisto dei due motori. Nel frattempo, su richiesta della donna, la vittima del reato effettuava un bonifico di 6000 euro di anticipo su una carta postpay per poi concordare un incontro con la venditrice per il ritiro dei due motori.
Giunto sul luogo dell’appuntamento, l’uomo constatava che al posto della società indicata nell’annuncio vi era una concessionaria di autovetture, accorgendosi così di essere stato vittima di una truffa. A quel punto all’uomo non restava altro che rivolgersi alla Polizia per denunciare i fatti. Le indagini esperite dal personale del Commissariato P.S. di Vasto consentivano di accertare che la società indicata nell’annuncio per attirare i potenziali clienti, aveva operato, in passato, nel settore marittimo per noleggio di imbarcazioni a vela e a motore ma risultava cancellata dallo stato d’impresa, per scioglimento dei membri costituenti già da diversi mesi.
Da accertamenti esperiti sul flusso bancario utilizzato per far confluire il denaro è emerso che la carta postpay era intestata ad una donna di nazionalità rumena, residente a Voghera (PV).  La straniera, identificata per I.A.P, di soli 20 anni è stata deferita   all’A.G. di Pavia per il reato di truffa aggravata.

IL DIRIGENTE

Più informazioni su