vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Immigrazione, ai sindaci contrari: “lasciateci lavorare in pace"

Più informazioni su

PALMOLI. Si è svolto ieri l’incontro organizzato dal Consorzio Matrix “Fare una buona accoglienza”. Il convegno, organizzato di concerto con la Prefettura di Chieti, è stata occasione per sviluppare il tema dell’accoglienza per gli immigrati.
Relatori dell’incontro il Vice Prefetto di Chieti Luciano Conti, il Sindaco di Palmoli Giuseppe Rosario Masciulli, Simone Caner legale rappresentante del Consorzio Matrix Cooperative Sociali,  Paola Primavera Presidente Provinciale di CRI Chieti, lo psicologo Christian Valentino, moderati dalla giornalista Paola Calvano.
Il tema dell’accoglienza è il più caldo dell’attualità politica italiana ed europea. E’ così che tutti gli interventi sono stati tasselli di un puzzle che spesso si manifesta confuso e nebuloso nell’agenda mediatica.
“Palmoli è il primo Comune che si è reso disponibile ad accogliere gli immigrati  –  sottolinea il Sindaco Masciulli – grazie alla collaborazione di tutti, fra alti e bassi, siamo andati avanti. Un Paese  per dirsi civile, non può sottrarsi all’accoglienza. Un ente locale non può negare l’aiuto”.
“Purtroppo non c’è stato il potenziamento delle strutture sanitarie e delle forze dell’ordine – commenta laconico il Vice Prefetto Conti – stiamo cercando di perfezionare questa accoglienza anche se le risorse sono ridotte”.
Il cuore del convegno, aperto a tutta la cittadinanza, è stato intervento di Simone Caner che ha presentato il documentario “Il coraggio di essere umani” in cui i richiedenti asilo politico si vedono alle prese dei lavori socialmente utili resi possibili dopo la firma del Protocollo d’intesa tra Sindaci e Prefettura. Inoltre il video ha documentato le opinioni, favorevoli e contrarie, degli abitanti che si sono trovati a convivere con questo fenomeno.
“Vorrei ringraziare i ragazzi del centro per la buona accoglienza che ci hanno fatto” dice il patron di Matrix Simone Caner, che non manca di lanciare un appello a tutti i Sindaci reticenti all’accoglienza: “Spendete due minuti per firmare un protocollo d’intesa per permettere i lavori socialmente utili. Lasciateci lavorare in pace, siamo persone che lavorano e cercano di fare il proprio meglio. L’unico confine che va preso in considerazione è quello della dignità umana.”
redazione@vastoweb.com
 

Più informazioni su