vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

I tifosi chiedono azioni concrete per la Vastese 1902. Intanto il Vasto Marina tenta il ripescaggio

Più informazioni su

VASTO. Non ci sono buone notizie riguardo la Vastese 1902. I giorni passano e delle cordate pronte a rilevare non ce n’è una che secondo l’attuale dirigenza sia pronta a rilevare davvero e con limpedezza e serietà la società.

Si parla di 28 mila euro di debitiper alcuni contratti ftti a giocatori nella passata stagione non in regola. Nomi falsi o nomi buttati li che a seconda di Di Domenico potrebbero acquisire il club che spesso vengono messi in circolazione. Qualche piccolo interessamenteo c’è stato da parte di imprenditori ma attualmente non basta.

Il Vasto Marina intanto prova a muoversi, non calcolando più la fusione, a parte. Inoltrata a quanto pare la domanda di ripescaggio in Eccellenza. Pronto a seguire la sqaudra mister Cesario a cui sarà affidata una squadra giovane e puntellata dove serve nel caso fossero ripescati in Eccellenza e con una società con a capo Cirulli e che si potrebbe allargare. Ds Alfonso Calvitti. Questo anche per non far morire completamente il calcio a vasto considerando anche le querelle che si trascinano da giorni per quel che riguarda la Vastese 1902.

Importante a riguardo il comunicato stampa che riceviamo e pubblichiamo inoltrato dai tifosi:

“Prendiamo atto del silenzio della società a seguito del nostro comunicato della settimana passata. Ci sembrava di aver usato parole e toni da persone civili, evidentemente o hanno cambiato mezzo vocabolario della lingua italiana, o si mostrano ancora una volta insensibili o non sono in grado di decidere da soli e attendono l’ordine a bacchetta da eseguire.

Di certo, invece, sappiamo che la Vastese calcio starebbe per passare nelle mani di qualcuno che in passato abbiamo spontaneamente appoggiato, ma dopo un anno di “chiacchiere e distintivo”, anche lui ha dimostrato di non essere all’altezza, sia come dirigente nel Vasto Marina, di cui ne ha determinato in buona parte la retrocessione ingaggiando una lunga serie di presunti giocatori stellari rivelatisi al contrario, e nei migliori casi, bravi ragazzi in cerca d’autore, sia in qualità di finanziatore: se una rondine non fa primavera, nemmeno dieci la fanno, il calcio è un’altra cosa.

Ma soprattutto certi soggetti hanno palesemente dimostrato di avere la parola facile e di dimenticare le promesse un attimo dopo.

Se l’anno scorso non vennero ritenuti attendibili dall’attuale dirigenza, paradossalmente, quest’anno lo sono diventati solo perché la competenza del gruppo Prospero si è rivelata davvero limitata a dimensioni amatoriali.

C’è di mezzo una vertenza di 27 mila euro che farebbe la differenza in favore degli aspiranti acquirenti, cui il geniale Salvatorelli e soci hanno abboccato come bavosi facendosi dare in prestito non gestito a dovere alcuni ragazzi del settore giovanile.

A questo punto, ciò che chiediamo alla società non rimane che una: Abbiate la dignità per non trattare la Vastese come una puttana. Non lo perdoneremmo a nessuno, in eterno.

Tiziana Smargiassi tizianasmargiassi@vastoweb.com

 

Più informazioni su