vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

D'Amico critica l'amministrazione guidata dal sindaco Marcovecchio

Più informazioni su

CUPELLO. “Un anno fa di questi giorni, era il 14 Giugno, iniziava l’avventura dell’amministrazione Marcovecchio con la prima seduta d’insediamento del Consiglio Comunale. Il tutto – dichiara il consigliere comunale Camilllo D’Amico- avveniva dopo una lunga e lacerante campagna elettorale dove, tra divisioni volute ed altre sollecitate, il “buon Manuele” coglieva l’occasione, storica per la sua famiglia, di avere un “Marcovecchio” alla guida del comune. 
La seduta d’insediamento risultò particolare ed inedita perché “l’altra minoranza”  votò favorevolmente alle comunicazioni programmatiche del Sindaco alla quale non seguì alcun dibattito sul merito. La cosa accaduta, politicamente inqualificabile, non ha precedenti non solo nella storia locale ma neanche in quella più generale territoriale, locale e nazionale. Il fatto grave fu che, l’ex sindaco Angelo Pollutri, rafforzò il proprio voto favorevole con l’incredibile dichiarazione che il tutto “…era condiviso dal PD locale (!!!)”. 
Purtroppo MAI nessuno lo ha ufficialmente smentito e, ovviamente, le tante voci su connubi ed interessi poco chiari tra il “vecchio ed il nuovo” cerchio magico trovarono conferma. Un anno è passato ed il magro risultato è sotto gli occhi di tutti. Una cocente DELUSIONE da tanti concittadini condiviso e riconosciuto, tanti dei quali diretti e dichiarati elettori di Marcovecchio & c. A rimuovere questa considerazione non bastano certo ridicole iniziative come la pulizia di parte dei nostri giardini pubblici o la rititenggiatura delle panchine. 
Per fare questo basta una migliore programmazione dei lavoratori in organico oppure delle partecipate “giornate ecologiche” che veda coinvolte scolaresche locali, associazioni e semplici cittadini. Amministrare non è una esibizione al circo oppure mettere foto su facebook ma un duro mestiere quotidiano di stare sempre in mezzo alla gente, ascoltarla e servirla in maniera disinteressata servendola sempre e comunque senza farne alcuna differenza.
I soldi pubblici si amministrano con parsimonia, rigore e sobrietà unita ad una grande trasparenza. Per “risparmiare” soldi e spesa piuttosto che farsi della ingannevole pubblicità personale pagherebbe molto più tagliare lo stipendio a Sindaco ed amministratori per esempio. Noi continuiamo sulla nostra strada che è lunga e complessa ma dal sicuro obiettivo di rimarcare la nostra differenza, far valere le obiettive e partecipate proposte lavorando ad allargare la base del nostro consenso guardando avanti, senza dimenticare gli errori del passato,  e avendo contezza che dovremo superare “sentimenti e risentimenti” che ci hanno diviso da chi, per cultura e tradizioni, è a Noi più prossimo.
Le proposte che abbiamo formulato per il costruendo bilancio di previsione del 2015 e del piano delle opere pubbliche sono di tutto rispetto. Su queste abbiamo chiesto ed ottenuto un corretto ma pubblico confronto sul merito con il Sindaco e, salvo controindicazioni, Venerdì 26 Giugno prossimo questo avverrà in luogo e dora che dobbiamo ancora definire.
Questo sarà per Noi la migliore legittimazione possibile e sancirà un modo nuovo e diverso di fare politica amministrative nell’esclusivo interesse di cittadini a livello locale”.
redazione@vastoweb.com

Più informazioni su