vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Mario Olivieri ricorda agli esponenti Pd di far parte della maggioranza

Più informazioni su

VASTO. “Apprendo -dichiara il consigliere regionale Mario Olivieri-  che alcuni esponenti del PD vastese, metterebbero in dubbio l’appartenenza del sottoscritto alla maggioranza che governa la Regione Abruzzo, in ragione di una mia dichiarazione riguardo le rivendicazioni di migliore funzionalità del Distretto Sanitario di San Salvo. In merito è bene chiarire che il sottoscritto sta seguendo la vicenda del Distretto di San Salvo, così come tante altre della sanità vastese, dall’inizio della legislatura, ossia da circa un anno, da quando alla guida della sanità ASL del chietino c’era ancora il direttore generale Zavattaro, nominato da Chiodi, e che in alcune occasioni ha anche incontrato, unitamente all’Amministrazione Comunale di San Salvo, Zavattaro e altri dirigenti della ASL per sollecitarli a risolvere i problemi di quel Distretto.
Non vedo, pertanto perché, fino a quando quei problemi non saranno risolti, così come altre giuste esigenze di un territorio che mi ha eletto e che mi vede come portatore dei propri diritti e dei propri interessi a livello regionale, il sottoscritto non debba continuare a portare avanti le giuste rivendicazioni del suo territorio, nell’interesse dei cittadini e della stessa maggioranza della quale egli fa parte. Tentare di strumentalizzare i comportamenti corretti e cristallini, significa volere coprire i problemi ricorrendo a metodi che non appartengono alla mia cultura e al mio modo di interpretare e di difendere i diritti della collettività.
Rifuggiamo quindi dal farci prendere la mano da tentazioni che non giovano alla immagine e alla serietà della Politica e lavoriamo per costruire, non già per distruggere o, peggio ancora, per denigrare. Per ciò che riguarda la sanità del Vastese, oltre al Distretto di San Salvo, così come il sottoscritto va ripetendo da alcuni mesi, lavoriamo per aprire la lungodegenza e l’emodinamica presso l’ospedale di Vasto, e facciamo in modo che la ASL trovi i locali per la prosecuzione del corso universitario di infermieristica, che senza di essi rischierebbe la chiusura.
Cerchiamo inoltre di concretizzare quella bellissima idea di una struttura sanitaria territoriale tra l’Abruzzo e il Molise, come si era deciso, affinché il Vastese interno e il Molise frontaliero possano avere pari opportunità nei servizi, così come avviene per i cittadini di altre zone del territorio delle due regioni. Su queste cose, e per queste cose, il sottoscritto lavorerà e si batterà, convinto che l’appartenenza a una maggioranza, che non mette minimamente in discussione, non possa costituire un freno, o, peggio ancora un alibi per fare tacere le coscienze, quando è necessario spronarle per uscire dall’ambiguità e dalla reticenza di chi forse vorrebbe interpretare questi comportamenti secondo una logica che non si addice alla coscienza e alla cultura politica del sottoscritto”.
redazione@vastoweb.com

Più informazioni su