vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Senza nome purtroppo il killer del cavalcavia. Si cercano testimoni

Più informazioni su

SAN SALVO. Non è stato identificato purtroppo lo scellerato che lo scorso fine settimana ha rischiato di uccidere  una famiglia originaria di San Giovanni di Rotondo che tornava a casa dopo una breve vacanza. Il guidatore aveva appena passato il confine tra Abruzzo e Molise quando  la sua auto una Mini Cooper Rover  è stata colpita da un grosso sasso. Il masso ha sfondato il parabrezza della vettura rotolando poi sull’asfalto. La pietra è stata scagliata dal viadotto che attraversa la sede stradale dell’A14. Un colpo violento. Il sangue freddo del conducente ha evitato conseguenze drammatiche. Nonostante la brusca frenata, nessuna delle tre persone che si trovavano a bordo nell’abitacolo, padre, madre e bimba di pochi anni, sono rimasti feriti. 
Nè la sbadata della vettura ha coinvolto altri mezzi.Il conducente è riuscito a fermare l’auto sulla corsia d’emergenza, poi dopo aver verificato le condizioni della moglie e della figlia ha chiamato la polizia. Il proprietario della Rover ha presentato una denuncia contro ignoti. Il lancio del sasso è avvenuto al km 455, in territorio di Montenero di Bisaccia, a circa 500 metri da San Salvo e dal casello Vasto Sud. L’uomo non ha visto ombre , nè si è accorto di nulla fino al botto sul parabrezza.
Da due giorni gli investigatori indagano e cercano tracce che conducano all’autore del gesto che riporta indietro di venti anni quando i sassi lanciati dai cavalcavia provocarono tantissimi incidenti in tutta la Penisola, alcuni anche molto gravi. Sono in tanti a ritenere che il gesto possa essere stata l’ennesima bravata messa in atto dopo un abbondante consumo di alcool. Al momento tuttavia è solo una ipotesi. Il lancio pare non abbia avuto testimoni. Non è escluso tuttavia che qualcuno abbia visto qualcosa di importante e decida di riferirlo alla polizia. L’anonimato è garantito. La collaborazione con gli investigatori in questo caso però è indispensabile. (Foto Daccò) Paola Calvano paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su