vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Maxi processo autovelox, epilogo a sorpresa per i 15 indagati. Tutti assolti

Più informazioni su

VASTO. Tutti assolti. Epilogo a sorpresa per i 15  indagati del maxi processo sulla presunta truffa dell’autovelox sulla fondovalle del Trigno. Il Tribunale , accogliendo le richieste della Procura ha ritenuto la non sussistenza dell’ accusa di truffa, peculato, abuso d’ufficio e violazione dell’articolo 97 della Costituzione. I nomi degli assolti: Maurizio Antonini, ex sindaco di Fresagrandinaria, Giovanni Di Stefano, sindaco di Fresagrandinaria, il figlio Nicola, Carlo Moro, sindaco di Lentella, Leandro Di Lallo, ex sindaco di Lentella, Giuseppe Besca, Antonio Marchesani, comandante della polizia municipale di Cupello, gli agenti municipali Giuseppe Cavallone, di Fresagrandinaria, Domenico Profeta, di Cupello, Gianfranco Caravaggio, di Lentella, Giosuè Forgione, di Cupello, Michele Di Dia, di Trivento, Giovanni Giammichele, ex sindaco di Dogliola, e i tecnici Nicolino Di Giuseppe e Pierluca Di Giuseppe.

Il caso risale a 7 anni fa con le prime indagini dei carabinieri di Atessa. Proprio loro erano  stati ascoltati  dal collegio . La mega richieste di risarcimento è stata respinta. “ Ci riserviamo repliche solo dopo aver letto le motivazioni della sentenza “, ha detto l’avvocato Isabella Mugoni uno dei legali   del comitato anti autoovelox presieduto da Antonio Turdò. Il comitato contestava multe per 87mila euro: 27 mila incassate dal Comune di San Giovanni Lipioni, 23mila da Fresagradinaria, 14mila da Cupello, 15mila da Lentella, 8mila da Dogliola. La vicenda tiene impegnati 7 legali del comitato: Antonio Ferri di Campobasso, Pasquale Lollino, Michele Ladisernia, Adele Bonifacio e Maria Antonietta Mariani di Isernia, Raffaele Giacomucci e Isabella Mugoni di Vasto. Contro di loro altrettanti colleghi: Nicola Artese, Giovanni Cerella, Domenico Conti, Arnaldo Tascione, Pierpaolo Andreoni e Sabatino Besca.

 Le multe sulla Trignina in 3 anni furono 16 mila. Turdò sulla vicenda ha scritto anche un libro. (foto Daccò)

Paola Calvano paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su