vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Le Scuole d'Abruzzo alla settimana europea del Coding

Più informazioni su

LANCIANO. Coding ovvero programmare, sviluppare il pensiero computazionale, significa imparare un nuovo alfabeto per praticare un nuovo linguaggio, il linguaggio digitale, in un contesto di gioco.
“Dopo aver consultato tante buone esperienze fatte in giro per l’Italia, dopo aver consultato esperti molto seri – ha sottolineato in conferenza stampa il presidente di RATI, Giovanni Di Fonzo – ci siamo convinti che il CODING essendo una competenza trasversale può contribuire in misura rilevante a migliorare l’insegnamento/apprendimento di tutte le materie da parte dei nostri ragazzi dalle elementari a salire fino alle medie superiori”.
Un numero rilevante di studenti si stanno preparando alla partecipazione all’ora del codice, che vede gli alunni – affiancati dagli insegnanti – coinvolti in ‘giochi’ online che forniscono loro gli strumenti del pensiero computazionale.
 Attività che si intensificheranno nel  corso della Settimana del Coding, dal 10 al 18 ottobre, dove in tutte le scuole di ogni ordine e grado vi sarà la partecipazione ufficiale all’ora del codice in contemporanea con altri milioni di alunni europei.
Venerdì 16 ottobre, dalle 16.30 alle 21 presso l’Officina Storica Sangritana di Lanciano, si svolgerà l’evento finale, dove alunni e insegnanti con parole e immagini daranno dimostrazioni di quanto fatto finora.
Seguirà un non-convegno, con testimonianze di ‘giovani talenti abruzzesi’ e un dibattito in cui prestigiosi esperti dimostreranno il valore strategico del pensiero computazionale per il futuro delle giovani generazioni.
A conclusione ci sarà l’aperitivo a km Abruzzo, a base di bollicine e sapori da salvare.
“Quello del 16 ottobre – ha chiarito Giovanni Di Fonzo in conferenza stampa – non sarà un evento conclusivo, piuttosto il punto di partenza di un’attività che vedrà le scuole protagoniste che si misureranno con corsi di coding a livelli crescenti”.
redazione@vastoweb.com
 

Più informazioni su