vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Rubata la statua della Vergine, sconcerto in tutta la provincia

Più informazioni su

CHIETI. È sparita nella notte tra lunedì e martedì lasciando solo il buco del basamento sul quale era poggiata. Martedì mattina, con grande stupore, gli abitanti di Madonna del Freddo hanno visto che nel rondò al bivio tra la strada provinciale Chieti – Tollo e la strada per Villamagna, l’amata statua della Madonnina non c’era più. 
È iniziata così la raffica di telefonate a casa di Marcello Di Primio, che abita proprio vicino all’aiuola e che la cura personalmente insieme ad altri residenti. «Sono uscito di casa e non credevo ai miei occhi», racconta Di Primio, «l’avevamo comprata noi quella statua, era alta circa un metro, ci era venuta a costare un centinaio di euro e da due anni ci regalava un senso di protezione. La delusione nel non vederla più al suo posto è stata per tutti molto grande». 
L’incrocio sulla strada provinciale, da quando erano stati realizzati il rondò e l’aiuola spartitraffico, erano stati presi in carico, in maniera assolutamente volontaria, dagli abitanti della zona e dal signor Di Primio in particolare. L’erba viene regolarmente sfalciata, sono stati comprati arredi urbani e piante ornamentali. Se qualche piccolo incidente automobilistico dovesse danneggiare i pali della cartellonistica stradale, questi vengono subito sostituiti con altri nuovi di zecca. 
Tutto a spese dei privati e senza neanche cartelli pubblicitari in cambio. Ai lati dell’incrocio sono state sistemate una panchina e una fila di grossi vasi bianchi che fungono da fioriere. Al centro della rotatoria spicca il cartello in legno con su scritto “Benvenuti a Chieti contrada Madonna del Freddo”, e qualche giorno fa spiccava anche la statua della Madonnina ora sparita. «Ci teniamo affinché tutto sia in ordine e questo tratto di strada risulti una sorta di biglietto da visita anche per chi raggiunge la città da questa parte. A chi possa servire una Madonnina di cemento di un metro proprio non riesco a immaginarlo». Certo è che gli abitanti del quartiere quel vuoto hanno voluto subito colmarlo. (IlCENTRO) redazione@vastoweb.com

Più informazioni su