vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Striscioni negli stadi pro Valentino Rossi, Iannone "E' un amico e spero vinca ma io corro per me stesso"

Più informazioni su

VASTO. Andrea Iannone si ritrova ad essere protagonista ed essere alla ribalta in questi giorni questa volta non solo per meriti sportivi. Il bravo e ambizioso pilota Vastese viene considerato l’ago della bilancia nella sfida finale per la vittoria del mondiale tra Rossi e Lorenzo. Di sicuro The Maniac prende le difese di Rossi considerando un brutto giusto ancora da spiegare a tutti quello fatto da Marquez a Sepang. Sottolinea la sua amicizia con Valentino Rossi e anche di stimarlo per quanto fatto a livello sportivo a 36 anni. Capisce il suo stato e la tensione dopo essere stato in testa una stagione intera e rischiare di perdere il titolo per un gesto che ha dell’incredibile. Tifa Italia. Tifa Rossi. Ma correrà per se stesso nonostante i tanti post che gli stanno scrivendo tifosi di tutto il mondo sulla sua pagina Facebook chiedendo di far uscire e far fuori tutto agevolando Rossi. Non solo commenti. Sono sorte anche pagine dedicate all’evento, pagine per chiedere stile referendum di incitare e convincere Iannone a buttar fuori Marquez e chi potrebbe dare noia a Valentino Rossi. 
Ma Andrea Iannone dichiara che non farà nulla di tutto ciò: “Io tifo per Rossi e per l’Italia. Nulla è’ perduto e potrebbe ancora farcela e io glielo auguro perché lo stimo oltre al fatto che lo considero un amico. Quello che posso dire però è che nonostante tutti quei messaggi mi abbiano fatto sorridere e regalato buonumore, fatto piacere, io correrò per me stesso. Ho sempre fatto così. C’e’ chi in pista pensa ad altro, chi dice che si farà da parte e farà passare, chi lancia sfide o pensa a complotti, io non farò nulla di tutto ciò. 
Intanto iniziano ad apparire anche i primi striscioni negli stadi pro Valentino Rossi. Uno, enorme, eloquente e’ apparso nella curva dei tifosi della Casertana. “Valentino a Valencia senza regole: tibia e perone” recita là striscione. Ma le iniziative c’è da giurarci che non finiranno qui. 
tizianasmargiassi@vastoweb.com

Più informazioni su