vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Un milione e 800mila euro per il rilancio di Punta Penna

Più informazioni su

VASTO. Presto i fondali del porto di Punta Penna saranno dragati. In arrivo dalla Regione 1 milione 870 mila euro per l’escavazione del bacino. I fondali torneranno al termine dei lavori a 7 metri di profondità. I sedimenti recuperati saranno immersi in mare in un’area autorizzata. La notizia, confermata dalla Regione, ha suscitato grande soddisfazione fra gli operatori ed è stata accolta positivamente anche dalle aziende che puntano sul porto per ridurre i costi di esportazione e importazione. Eseguita già la procedura di recupero e smaltimento del materiale fangoso. 
L’Arta, l’Agenzia regionale per la tutela ambientale, ha eseguito i prelievi di campioni di acqua e sabbia e li ha consegnati ai laboratori competenti. I risultati sono stati comunicati al Consorzio industriale di Vasto. Subito dopo è stato individuato il sito di smaltimento. La disponibilità di quei dati è stata fondamentale per consentire di sbloccare l’iter della pratica relativa ai lavori programmati e finanziati da tempo. Un intervento mirato a riportare il bacino al livello di pescaggio naturale e consentire l’ingresso di navi di maggiore tonnellaggio. 
Per la soddisfazione degli armatori e degli industriali che grazie al porto di Punta Penna sperano di poter ridurre i costi delle esportazioni e delle importazioni. L’iter è partito tre anni fa. La Direzione trasporti e mobilità della Regione accolse la richiesta dell’autorità marittima, destinando al bacino istoniense 1.870.000 euro per il potenziamento e il dragaggio. L’escavazione è importante per garantire il miglioramento delle condizioni di operatività dello scalo. Nonostante la crisi il porto ha registrato il raddoppio rispetto all’anno precedente delle tonnellate di stazza lorda di merci caricate e scaricate. 
Il dragaggio consentirebbe a navi più grandi di attraccare a Vasto riducendo il numero di viaggi e il costo del trasporto delle merci. Non è un mistero che il bacino sia guardato con interesse da Confindustria.
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su