vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Aaa cercasi candidato unitario per il centrodestra

Più informazioni su

VASTO. Chissà se Tonino Prospero come il protagonista della Tempesta di William Shakespeare, Prospero appunto, ha particolari poteri magici per riuscire a convincere tutti i partiti, le liste civiche e i movimenti del centrodestra a trovare un candidato unico per la carica di sindaco a Vasto. 
L’ultimo incontro, organizzato sempre da Antonio Prospero si è tenuto nei giorni scorsi in un hotel di Vasto Marina. A prendervi parte sono stati Massimo Desiati, Peppino Tagliente, Francesco Piccolotti , Guido Giangiacomo, Antonio Monteodorisio, Etel Sigismondi, Massimiliano Zocaro e tutti coloro che dovrebbero contrapporsi all’attuale amministrazione. Uno degli obiettivi potrebbe essere un programma unico e quindi le primarie per scegliere il nome di chi dovrà correre per lo scranno più alto di palazzo di città. 
Obiettivo non semplice, soprattutto perché nessuno è pronto a fare un passo indietro.  “Gli incontri li stiamo facendo –ha spiegato Desiati- e li continueremo a fare, anche se sono convinto che nei prossimi giorni si riuscirà a trovare la quadratura del cerchio. La volontà di andare tutti insieme c’è. L’unica candidatura per ora –ha concluso – è la mia”.  
“Noi siamo per le primarie –spiega Guido Giangiacomo di Forza Italia- se le trattative dovessero avere un esito diverso da quello atteso, qualsiasi imposizione di candidato dall’alto comporterà la mia uscita dal partito”. Uno scenario non molto diverso da quello di cinque anni fa quando venne “imposta” la candidatura di Mario Della Porta. 
Intanto Antonio Prospero resta a guardare  e non è escluso, ma questa è una nostra ipotesi,  che anche lui possa decidere di abbandonare la “coalizione” di centrodestra nel caso in cui il candidato non esca dal tavolo delle trattative. 
“Gli incontri stanno andando bene –ha detto Prospero- l’’interesse della città è al centro di tutto. Se c’è accordo politico si fa altrimenti auguri”. 
Gli incontri stanno andando bene ma il bene che intende Antonio Prospero è tutto racchiuso nel segreto di quegli auguri che chiudono la sua dichiarazione, che gli incontri non servano a sancire una spaccatura che consenta di allocarsi su sponde opposte, magari vincente?
paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su