vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Dopo 25 anni è stata bonificata la discarica di Bosco Motticce

Più informazioni su

SAN SALVO. Telecamere e occhi puntati stamani sulla vecchia discarica comunale di San Salvo in zona Bosco Motticce. Stavolta però le notizie sono buone e i sorrisi del sindaco Magnacca e dell’assessore Chiacchia testimoniano l’orgoglio e la soddisfazione per l’azione di bonifica portata a termine. «Era dal 1990 – dichiara il sindaco – ovvero da quando la discarica era stata chiusa, che questo posto attendeva di essere bonificato. 
Dopo tutti questi anni, posso dirvi, documenti dell’ Arta Abruzzo alla mano, che l’opera è compiuta. La discarica di Bosco Motticce è stata completamente bonificata e dichiarata ecologicamente compatibile con l’ambiente circostante. Questi sono i risultati, ma il lavoro svolto, dai primi mesi di amministrazione, è stato notevole e sicuramente arduo, sia per noi amministratori che per gli uffici tecnici ai quali va il mio più sentito ringraziamento. Siamo dinanzi ad un’opera imponente sia dal punto di vista fisico ma soprattutto da quello economico. 
Questo è il risultato tangibile di un’amministrazione attenta all’ambiente che, essendo stata in grado di ottenere un finanziamento pari a due milioni e centocinquantamila euro, è riuscita a portare a termine un lavoro di bonifica che diventa il primo in tutta la regione Abruzzo». Successivamente, spiegando con dovizia di particolari tutte le tecniche usate e mostrandole ai presenti sul posto, l’assessore Chiacchia prende la parola. «La scadenza dei lavori è prevista per il 31 dicembre di quest’anno e, da come potete vedere, siamo quasi a conclusione. 
Nonostante questo, la nostra vittoria è arrivata quando, il 27 ottobre scorso, l’Arta Abruzzo ha inviato al comune di San Salvo un documento che certifica, nero su bianco, la compatibilità ecologica del sito. Come potete vedere, come prima cosa è stato creato un perimetro in cemento armato che isolasse l’area e che impedisse la fuoriuscita di percolato e successivamente sono stati stratificati e ricoperti i rifiuti, prima da un telo e poi da uno strato di terriccio che permetterà, terminati i lavori, la piantumazione del sito». 
A conclusione di questo incontro è sempre il sindaco Magnacca che prende nuovamente la parola evidenziando, ancora tra sorrisi di piena soddisfazione, come proprio il suo comune sia uno di quelli della zona con il più alto tasso percentuale di differenziazione dei rifiuti e di come, nonostante tutto, bisognerebbe fare di più cercando di indirizzare, attraverso la continua informazione, la cittadinanza intera verso una cultura del riciclaggio. 
Andrea Mastrangelo

Più informazioni su