vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Operazione "Car wash", Andrea Florio è stato assolto con formula piena

Più informazioni su

VASTO. Clamorosa sentenza per uno degli arrestati dell’operazione antidroga “Car wash”. I giudici del Tribunale di Vasto, (presidente Bruno Giangiacomo, a latere Fabrizio Pasquale e Stefania Izzi) hanno assolto con formula ampia Andrea Florio dall’accusa di associazione a delinquere ai fini di spaccio. Grande la soddisfazione del difensore, l’avvocato Raffaele Giacomucci. “Il mio cliente ha sempre negato di far parte di una associazione dedita allo spaccio rifiutando anche il rito abbreviato e il patteggiamento”, ricorda Giacomucci. 
Le motivazioni della difesa hanno convinto il Tribunale. L’operazione in cui venne coinvolto Florio scattò il 6 ottobre 2013 e venne denominata “Car wash”. Dieci persone furono arrestate dai carabinieri del comando provinciale di Chieti e della Compagnia di Vasto con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti oltre al sequestro di cinque chili di droga tra cocaina, eroina, marijuana, hashish e metadone. Le manette scattarono disposizione di David Mancini, della Direzione distrettuale antimafia dell’Aquila. 
Base operativa era un autolavaggio a Vasto, da qui il nome dell’operazione ‘Car wash’, gestita da un trentaduenne di Napoli che aveva legami con la criminalità campana e che si avvaleva di un complice di Lecce a sua volta legato alla malavita pugliese. L’indagine prese il via nel novembre del 2011 quando in Lombardia fu fermato un agente della polizia penitenziaria di Vasto che trasportava nella sua auto 77 chili di marijuana. 
Ricostruendo le sue amicizie in città si arrivò all’autolavaggio e all’organizzazione criminale che operava e spacciava nel Vastese con una rete efficiente di spacciatori che si estendeva anche in Puglia, Molise e Lombardia. 
A rifornire la droga un clan albanese in attività in provincia di Bari che provvedeva ad acquistare la merce nei Balcani. Nel Vastese arrivavano di media ogni mese non meno di 5 chili di stupefacente, in gran parte eroina, che fruttavano più di duecentomila euro. 
Alcuni degli arrestati hanno patteggiato, altri hanno fatto ricorso al rito abbreviato. Florio è stato assolto. 
 paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su