vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vastese-San Salvo, previsto uno stadio pieno, Triglione parla del match e delle esultanze con Antenucci

Più informazioni su

VASTO. Giornata biancorossa e pupazzo Salvino per il Family Day all’Aragona domani in occasione della partita tra Vastese e San Salvo. Un match che si preannuncia agonisticamente teso e combattuto. Le due ssquadre sono tra le protagoniste di questo avvio di campionato. I biancorossi sono in testa alla classifica nonostante i pronostici iniziali non dicessero questo e non parlassero di un campionato subito di vertice. Si è ricreato entusiasmo tanto che l’Aragona regala sempre un buon colpo d’occhio con i suoi tifosi. Entusiasmo che va gestito al meglio senza fare proclami o pensare che le partite sia “facili” ormai come spiega spesso il tecnico biancorosso Colavitto contento del rendimento della sua squadra in questa prima parte del campionato e che predica l’importanza del lavoro, sella serietà e umiltà restando sempre con i piedi per terra e ragionando partita dopo partita.
Biancoazzurri che hanno dichiarato inizialmente di voler vincere il campionato e di voler fare bene anche in Coppa cosi da staccare il biglietto per la D. Qualche pareggio di troppo ha fatto mugugnare qualcuno ma a dispetto di tutto il gruppo è rimasto unito, si è compattato e anche in campo la squadra allenata da Rufini ha mostrato di essere in crescita. Domenica sconfitta contro una della squadre più forti del campionato, il Paterno, ma grande prestazione da parte dei ragazzi del San Salvo che avrebbero meritato sicuramente di più a detta di tutti i presenti allo stadio, tifosi e non. 
Domani match che inizierà alle 14.30 e vedrà opposte due squadre che vogliono entrambe i tre punti. Il San Salvo per ricominciare il cammino positivo dopo lo stop contro il Paterno e la Vastese per continuare a sognare ed essere la prima della classe. Ad arbitrare l’incontro ci penserà il signor Filippo Giaccaglia di Jesi coadiuvato da Andrea Marziani di Teramo e Massimo Miccoli di Lanciano.
“Spero possa essere una bella giornata di sport. Sono vastese e non ho mai nascosto l’attaccamento a questi colori ma negli ultimi due anni ho indossato la maglia biancoazzurra e lo faccio con orgoglio e impegnandomi al massimo per la piazza in cui gioco. Nessuna rivalità con i vastesi per me anzi sono in buoni rapporti anche con il presidente Bolami fuori dal campo di gioco. Posso solo dire che noi del San Salvo ci teniamo a fare bene domani e tornare a vincere dopo la sconfitta, secondo noi, immeritata contro il Paterno. Pur perdendo domenica abbiamo dimostrato di essere una squadra che ha tutte le carte in regola per fare bene nel proseguo del campionato. Vogliamo i tre punti e abbiamo lavorato bene in settimana. Mister Rufini ha preparato con noi il match minuziosamente. Per me sicuramente sarà un match dal sapore particolare. Qualche emozione in più” spiega Carlo Triglione. Triglione che domenica è stato autore insieme ad Antenucci di una esultanza sotto la tribuna e i loro tifosi dopo la rete messa a segno contro il Paterno mimando una partita a tressette: “Avevamo preparato quella esultanza prima del match. Spesso c’è uno sfottò in settimana tra me e Andrea che facciamo coppia nel tressette contro il presidente Di Vaira e attualmente Vito Marinelli. Scherziamo sempre sulle nostre sconfitte o vittorie nei pre match. Cosi abbiamo pensato di festeggiare nel caso uno dei due avesse segnato in quel modo simpatico. Peccato solo per la sconfitta poi”. Questa domenica però nessuna esultanza particolare in mente: “Per ora no. Non abbiamo ancora pensato a nulla” conclude Triglione. 
Vastese e San Salvo si ritroveranno poi contro già mercoledì per la semifinale di Coppa Italia. Doppia sfida in cui si prevede il pienone sugli spalti. Venduti quasi tutti i biglietti, infatti, concessi anche al San Salvo che sarà la squadra ospite. 
tizianasmargiassi@vastoweb.com

Più informazioni su