vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Acerbo: la Regione rompe fronte anti-trivelle senza dirlo a nessuno

Più informazioni su

PESCARA. “L’Abruzzo -dichiara Maurizio Acerbo della segreteria nazionaledel partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea – ha rotto di fatto il fronte delle Regioni che si erano coalizzate contro il dilagare delle trivellazioni in mare.
La cosa più grave è che lo ha fatto non solo nascondendolo alla cittadinanza ma persino in maniera illegittima visto che il Consiglio Regionale è all’oscuro di tutto.
Da quel che mi risulta l’Abruzzo ha deciso NON SOLO di non affiancare le altre regioni nel conflitto di attribuzione davanti alla Corte Costituzionale, MA PERSINO di ritirarsi DEFINITIVAMENTE dalla compagine referendaria.
Lo avranno deciso D’Alfonso e la sua Giunta per ingraziarsi Renzi ma va sottolineato che non era nelle loro facoltà in quanto queste decisioni spettavano al Consiglio regionale.
Dà la misura della senso dalfonsiano delle istituzioni che neanche la conferenza dei capigruppo è stata sentita. Non credo che l’avvocatura regionale o il delegato Lucrezio Paolini in questa materia possano legittimamente assumere posizioni senza mandato del Consiglio come invece mi apre sia accaduto. E’ altresì grave che nessuno della Giunta senta il dovere di rompere la congiura del silenzio e debba essere un ex-parlamentare ed ex-consigliere come me a darne notizia”.
redazione@vastoweb.com

Più informazioni su